Ufficio stampa su Twitter: la cura dei contenuti è importante

Occuparsi di un’attività di ufficio stampa su Twitter significa dover pensare anche alla reputazione di un brand, che dipende chiaramente anche dal rapporto con i media e dalla copertura che si riesce a raggiungere.

Impostare una strategia di digital pr implica un’attenzione costante alla content curation, che deve essere messa in atto quotidianamente sui social, e su Twitter in particolare, per fare in modo che il processo di pianificazione iniziale porti risultati.ufficio stampa

Per muoversi al meglio in questo ambito è bene ricordare alcuni errori da evitare, fail da matita rossa che chi si occupa di ufficio stampa su Twitter non dovrebbe mai commettere quando lavora alla condivisione dei contenuti e al contatto con gli influencer.

1. Abbandonare l’account

Gli account e le pagine social rappresentano dei veri e propri impegni che il brand assume nei confronti di utenti finali e interlocutori che operano nel mondo dei media.

Abbandonarli – un esempio al proposito riguarda l’account Twitter dell’ufficio stampa Rai, caratterizzato da mancanza di aggiornamenti anche per più settimane – significa compromettere la reputazione del brand e, di conseguenza, anche il rapporto con gli operatori del mondo mediatico, che devono trovare nei social un punto di riferimento fondamentale per rimanere aggiornati sulle novità di un’azienda e per reperire velocemente materiale utile a livello professionale.

2. Essere autoreferenziali

La voce degli influencer è fondamentale in una strategia di ufficio stampa. Operare sui social mettendo in primo piano l’autoreferenzialità e dimenticando l’importanza del retweet significa commettere un errore molto grave, in grado di danneggiare la reputazione del brand e di non fornire un’idea efficace in merito all’effettiva copertura mediatica di un evento o di una novità aziendale.

Per vedere un esempio concreto in cui questo errore è stato evitato si può dare un’occhiata all’account Twitter dell’ufficio stampa del Ministero dello Sviluppo Economico dove, come è chiaro dall’immagine sottostante, viene dato ampio spazio al retweet.

ufficio stampa

3. Non curare la multimedialtà

Un altro errore di content curation che spesso si vede su Twitter – per esempio sull’account dell’ufficio stampa della Banca d’Italia – riguarda la poca attenzione a immagini e video.

Occuparsi di Ufficio Stampa su Twitter e interagire in maniera efficace con i media significa non dimenticare l’importanza della multimedialità sia nei comunicatiqui qualche consiglio specifico riguardante i contenuti visuali – sia sui social.

ufficio stampa

Fare ufficio stampa su Twitter

I social sono strumenti operativi basilari per interagire in maniera funzionale con i media. Per questo è impensabile mettere in secondo piano la content curation, un processo che deve essere oggetto di attenzione quotidiana se si punta a rendere la presenza su Twitter dell’ufficio stampa di un brand un punto di riferimento centrale per giornalisti e blogger alla ricerca di contenuti di qualità utili dal punto di vista professionale.


Se vuoi, qui puoi leggere altri utilissimi consigli di Ufficio Stampa:

Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience