Ufficio stampa 2.0: come ottimizzare il profilo aziendale di un brand nell’area press del sito

Non si può parlare di ufficio stampa 2.0 senza prendere in considerazione l’area press sul sito ufficiale di un brand, un biglietto da visita fondamentale per le realtà aziendali intenzionate a costruire e a mantenere nel tempo relazioni efficaci con i media. Redigere comunicati stampa efficaci è importante, ma è solo il passo finale di un processo che inizia proprio dall’interazione con l’area press e dalla ricerca d’informazioni e materiale visivo su un determinato brand.

ufficio stampa
Come ottimizzare il profilo aziendale nell’area press: il caso di Facebook

L’area press deve essere ottimizzata con attenzione – qui abbiamo dato qualche consiglio generale osservando l‘approccio di Instagram – senza dimenticare il profilo aziendale, essenziale per aiutare i professionisti del mondo mediatico a orientarsi meglio e a trovare spunti validi da approfondire.

Anche in questo caso esistono dei suggerimenti tecnici di ufficio stampa 2.0 che è opportuno sottolineare e seguire. Oggi ve ne presentiamo tre, tutti legati all’esempio di un grande brand.

Ottimizzare il profilo aziendale di un brand: concentrati su una sola pagina

Il primo consiglio di ufficio stampa 2.0 da tenere in mente quando si ottimizza il profilo aziendale nell’area press del sito di un brand consiste nel concentrare tutto su un’unica pagina. Non bisogna mai dimenticare che stiamo parlando di una risorsa per il giornalista, di una fonte d’informazioni dalla quale poter ricavare contenuti utili nel minor tempo possibile. Un esempio valido a tal proposito è il profilo aziendale nell’area press di Facebook, dove nella medesima pagina è possibile trovare la mission del gruppo, ma anche i profili dei leader aziendali.

Non dimenticare la mission

Come appena ricordato, il profilo aziendale nell’area press del sito di un brand deve fornire ai giornalisti il maggior numero d’informazioni utili, tenendo conto dell’importanza che ha l’ottimizzazione delle tempistiche per chi ogni giorno ha a che fare con una mole enorme di contenuti.

Alla luce di tale aspetto è essenziale non dimenticare di specificare la mission che, come dimostra il caso di Facebook, deve essere costruita mettendo in primo piano sintesi ed incisività (vedi immagine sottostante).

ufficio stampa
Come ottimizzare il profilo aziendale nell’area press del sito di un brand: sintesi e incisività

Approfondisci i riferimenti di brand storytelling

Inserire riferimenti di brand storytelling nel profilo aziendale presente nell’area press è importante, così come lo è muoversi anche in questo caso puntando alla sintesi. Un trucco interessante è però quello di fornire comunque la possibilità di approfondire. Per trovare un esempio valido al proposito possiamo osservare ancora una volta il profilo aziendale dell’area press di Facebook, dove a ogni ‘tappa’ della storia del brand si possono trovare i riferimenti ai comunicati stampa ufficiali correlati (vedi immagine sottostante).

ufficio stampa
Come ottimizzare il profilo aziendale nell’area press: lo storytelling vince sempre

 

L’efficacia di un’attività di ufficio stampa 2.0 non può limitarsi alla redazione e all’invio di comunicati: concentrarsi sulla qualità e sulla completezza dell’area press è nodale se si punta a  delle relazioni costruttive con i media e, di conseguenza, a una reputazione positiva online e non solo.


Se vuoi, qui puoi leggere altri consigli di ufficio stampa:

Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.