Come migliorare la leggibilità di un comunicato stampa

La leggibilità di un comunicato stampa è un obbiettivo essenziale per chi gestisce le relazioni tra media e brand, perché ai lettori di recepire più facilmente tutte le informazioni necessarie. Si può redigere un comunicato tecnicamente e formalmente perfetto, ma per farlo diventare un comunicato stampa di successo bisogna fare molta attenzione anche all’aspetto estetico.

Scopri come migliorare la leggibilità di un comunicatos tampa

 Gli spunti tecnici importanti per chi si occupa di ufficio stampa e vuole migliorare la leggibilità dei propri comunicati stampa non sono pochi e oggi abbiamo scelto di selezionarne tre, prendendo spunto dall’esempio di alcuni grandi brand.

1. Sottotitoli interni

Un comunicato stampa ben formattato aumenta le possibilità di condivisione sui social, e si sa quanto questo sia fondamentale per chi lavora nelle digital PR e mira a massimizzare la visibilità di documenti come comunicati e note stampa.

Il primo consiglio pratico che possiamo dare è di dividere il comunicato stampa in paragrafi inserendo dei sottotitoli interni, così da aiutare il lettore online (che può essere un giornalista, un blogger o un consumatore che segue gli aggiornamenti del brand sui social) a costruirsi un’idea chiara in merito a quanto trattato nel documento – un ottimo esempio sono i comunicati stampa di Starbucks.

2. Sottotitolo iniziale

L’avvento dei social non ha messo in ombra l’importanza di un comunicato stampa, che rimane ancora lo strumento principale di chi si occupa di ufficio stampa. Questo significa che è fondamentale renderli leggibili, facendo per esempio attenzione a scrivere sottotitoli strutturati ma non troppo lunghi.

Per un esempio specifico efficace possiamo fare riferimento all’immagine sottostante, che riporta i primi paragrafi di un comunicato stampa della BBC caratterizzato da un sottotitolo essenziale ma comunque sufficientemente strutturato, in grado di fornire un quadro generale del contenuto del comunicato e di stimolare la curiosità del lettore.

ufficio stampa

 3. Boiler Plate

Un ultimo suggerimento per migliorare la leggibilità di un comunicato stampa online consiste nel mettere in evidenza il boiler plate, poche righe che rivestono un ruolo essenziale soprattutto se il giornalista non ha molte informazioni sui valori e la mission del brand.

Mettere in evidenza il boiler plate – come è stato fatto, per esempio, negli ultimi paragrafi di questo comunicato stampa di Nokia – significa facilitare la lettura del comunicato e consentire al giornalista di acquisire in pochi secondi le informazioni tecniche utili per approcciarsi con il resto del contenuto.

ufficio stampa

La leggibilità di un comunicato stampa

La sinergia tra social network e attività di ufficio stampa non ha certo messo in secondo piano l’importanza di scrivere comunicati stampa leggibili e attenti alle principali regole tecniche del mestiere.

Il ruolo dei comunicati, che sono visibili a un pubblico numericamente molto consistente, è anzi ancora più centrale e per questo è fondamentale venire incontro alle esigenze del lettore, puntando a migliorare la leggibilità di un comunicato stampa e, di conseguenza, contribuendo al buon esito di un lavoro di ufficio stampa.


Se vuoi, qui puoi leggere altri utilissimi consigli di Ufficio Stampa:

Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience