Comunicato stampa: come scrivere una headline efficace

ufficio stampa

Il comunicato costituisce il punto di partenza del lavoro dell’ufficio stampa. Senza comunicati efficaci è impossibile muoversi sui social in maniera funzionale, intercettando gli influencer di settore e migliorando la copertura mediatica del brand.

Per redigere un comunicato stampa di qualità è necessario scrivere una headline ad hoc, essenziale per catturare l’attenzione del lettore e per agevolare la comprensione del contenuto.

I grandi brand possono rappresentare un valido esempio di approccio alle regole di ufficio stampa 2.0 anche per quanto riguarda le caratteristiche dell’headline dei comunicati. A tal proposito è possibile analizzare l’impostazione di Apple e vedere cosa si può imparare.

Attenzione alle esigenze pratiche del lettore

L’headline rappresenta il biglietto da visita del comunicato stampa e deve essere realizzata senza dimenticare le esigenze del lettore finale, in un’ottica di attenzione al comunicato come strumento di content marketing.

Apple può insegnare qualcosa al proposito soprattutto nei comunicati dedicati ai lanci di prodottoqui un esempio – situazioni in cui nell’headline viene dato spazio ad aspetti come senso di novità e unicità.

Per un riferimento specifico al proposito possiamo osservare la prima parte del comunicato sottostante dedicato all’apertura delle vendite dell’ultimo iPhone, nella cui headline viene specificato che si tratta di un prodotto top di gamma.

ufficio stampa

Cura dell’editing

L’headline efficace è frutto di un lavoro approfondito di editing. Solo procedendo in questo modo è possibile garantire successo all’attività di ufficio stampa 2.0 e non infastidire il lettore con particolari inutili e con un tono eccessivamente promozionale.

A tal proposito è bene ricordare di mettere da parte per quanto possibile il ricorso agli aggettivi qualificativi, che non vengono quasi mai utilizzati nelle headline dei comunicati stampa di Apple, facendo così guadagnare chiarezza al contenuto.

Mancanza di termini tecnici

Un’altra peculiarità delle headline dei comunicati stampa di Apple è costituita dalla mancanza di termini tecnici, aspetto essenziale per favorire la chiarezza dell’intero contenuto. Limitare i tecnicismi è importante quando si gestisce un’attività di ufficio stampa 2.0 e l’headline del comunicato, la parte che prima di tutte le altre salta agli occhi del lettore, è decisiva al proposito.

Per capire l’approccio di Apple in merito rimandiamo all’immagine sottostante, dove è possibile leggere la prima parte di un comunicato dedicato al lancio di un servizio di musica in streaming e caratterizzata da un’headline in cui non compare nessun termine strettamente legato al gergo di settore.

ufficio stampa

Sintesi, immediatezza, attenzione alle esigenze del lettore senza virare eccessivamente verso i toni di marketing: queste le tre caratteristiche che dovrebbe avere l’headline di un comunicato stampa attento alle logiche 2.0.

Avere le idee chiare su come interagire sui social con i professionisti del mondo mediatico è importante, ma è bene non trascurare la qualità del comunicato stampa, il punto di partenza essenziale per fare in modo che un’attività di ufficio stampa raggiunga gli obiettivi prefissati.


Se vuoi, qui puoi leggere altri utilissimi consigli di Ufficio Stampa:

Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience