Comunicati stampa sui social: come crearli e condividerli

È giusto diffondere un comunicato stampa sui social? Prima di rispondere a questa domanda è necessaria una premessa: il più delle volte i comunicati stampa sono ottusi, autocelebrativi, pieni di tecnicismi, di acronimi incomprensibili e, per di più, quando la notizia è davvero importante, spesso diventa di dominio pubblico molto prima di un comunicato stampa ufficiale. E certamente ben pochi amano leggerli.

Se vuoi scoprire se è giusto diffondere o meno un comunicato stampa sui social, continua a leggere questo articolo

Ciononostante, i comunicati stampa sono necessari; perché, a differenza di un lancio di agenzia, destinato a giornalisti specializzati e punti vendita particolari, è un mezzo di comunicazione di massa, destinato al più vasto pubblico possibile. Per questo, spesso, molte piccole aziende inviano comunicati alla propria lista di giornalisti, blogger, amici, parenti, clienti e via dicendo.

E, per guadagnare una visibilità supplementare, non è raro che le aziende si affidino a dei social media manager per farli pubblicare sui social network.

Ma è giusto annunciare i propri nuovi prodotti sugli stessi media su cui milioni di persone postano le proprio foto e i propri contenuti/ricordi/impressioni personali? Diffondere un comunicato stampa sui social fa girare alla larga potenziali clienti oppure è un modo per raggiungere una più vasta gamma e quantità di persone?

Come spesso accade, anche in questa circostanza non c’è una risposta univoca. Sì, no, forse, a volte, possibilmente… Molto dipende da chi sei e da cosa vuoi comunicare.

Per esempio, le aziende dovrebbero assolutamente pubblicare i propri comunicati stampa sui social, ma solo se hanno individuato le piattaforme privilegiate dal proprio target di riferimento (clienti, potenziali clienti, azionisti, investitori e compagnia bella).

Non spammare

È consigliabile non spammare mai né i tuoi followers né tutti gli altri utenti con comunicati stampa che potrebbero essere irrilevanti per loro.

Consiglio #1: condividi i tuoi comunicati nei gruppi tematici di Facebook o LinkedIn in cui siete attivi, magari utilizzando un hashtag creato ad hoc.

Crea conversazioni

Una cosa importante da ricordare: condividere solo il titolo del comunicato stampa e il link non porterà mai da nessuna parte. I social non sono un megafono tout court!

Consiglio #2: crea conversazioni intorno le tue notizie (il tuo comunicato stampa è notizia, non è vero?), magari con una domanda, oppure facendo una battuta o inserendo una riflessione stimolante.

Cura la multimedialità

Ciò che rende godibile un comunicato stampa online è l’aspetto multimediale, che consente di spezzare la monotonia del testo e stimola maggiormente i lettori.

Consiglio #3: Prima di condividere un comunicato stampa sui social, curane l’aspetto multimediale, incorporando immagini e/o video che invoglino il lettore a leggere la notizia.

Diffondere un comunicato stampa sui social

Il comunicato stampa si è evoluto e ormai lontani i giorni di fax. Le persone sono alla ricerca continua di notizie on-line e sono sempre di più quelli che lo fanno attraverso i social. Sarebbe stupido, allora, non sfruttare questa tendenza per aumentare la visibilità dei propri comunicati; ma altrettanto stupido sarebbe farlo in maniera grossolana e fastidiosa.

Prima di diffondere un comunicato stampa sui social, dunque, assicurati sempre di aver seguito una strategia votata al buon gusto e all’intelligenza.


Se vuoi, qui puoi leggere altri utilissimi consigli di Ufficio Stampa:

Potrebbe interessarti anche:



Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience