Come scrivere un comunicato stampa per il lancio di un prodotto

ufficio stampaIl comunicato stampa costituisce il fondamento dell’efficacia di un’attività di ufficio stampa, soprattutto in occasioni particolari come i lanci di nuovi prodotti, situazioni in cui un gruppo aziendale deve muoversi seguendo specifici accorgimenti strategici anche per quanto riguarda la copertura mediatica.

Parlare di ufficio stampa 2.0 significa chiamare in causa i trucchi più utili per interagire in maniera costruttiva sui social con i professionisti del mondo mediatico: tutto questo è fondamentale, ma non può avere senso se non si hanno le idee chiare in merito alla redazione dei comunicati.

Quali consigli tecnici è bene seguire durante la stesura di un comunicato stampa in occasione del lancio di un prodotto? Quali sono le dritte di ufficio stampa più valide per attirare l’attenzione dei giornalisti? Oggi ne analizziamo assieme tre, osservando come si muovono online alcuni grandi brand.

Inserisci nel titolo del comunicato stampa informazioni pratiche utili

Il titolo del comunicato stampa è nodale per il successo del lavoro di chi gestisce l’ufficio stampa. Quali linee è utile seguire in occasione del lancio di un prodotto? Un accorgimento tecnico valido al proposito consiste nel non limitarsi alla semplice comunicazione della novità, ma includere informazioni pratiche d’immediata utilità, come per esempio indicazioni sulla disponibilità (in questo modo si tiene conto anche del content marketing, essenziale quando si parla di relazioni strategiche con i media).

Un esempio specifico in merito? L’approccio dell’ufficio stampa di Apple in comunicati come quello che si può leggere qui – rimandiamo all’immagine sottostante per il titolo e il sottotitolo – e che costituisce un riferimento molto puntuale per capire quanto ogni parte strutturale sia funzionale alla costruzione di relazioni efficaci con i media.

ufficio stampa Scrivi l’headline del comunicato stampa per il lettore e non per i motori di ricerca

Una delle peculiarità dell’ufficio stampa 2.0 riguarda l’importanza di scrivere un comunicato  stampa mettendo in primo piano le esigenze del lettore ed evitando di eccedere con le parole chiave. Questa regola deve essere tenuta presente soprattutto quando si parla dell’headline e, in particolar modo, in occasione del lancio di un prodotto, circostanza in cui è nodale esplicitare nelle prime righe i vantaggi pratici relativi alla novità aziendale. Per un riferimento pratico in merito, rimandiamo all’immagine sottostante, dove si possono leggere i paragrafi introduttivi di un comunicato di Microsoft dedicato al lancio di uno smartphone e caratterizzato da una headline in cui, prima della specificazione delle caratteristiche tecniche, vengono inquadrati i vantaggi pratici del device.

ufficio stampa

Concludi il comunicato stampa con una citazione testuale

Dalla corretta gestione delle citazioni dipende molta dell’efficacia di un comunicato stampa anche in casi come la gestione del lancio di un prodotto. In questo caso può rivelarsi congeniale la scelta di includerne una nella parte conclusiva, come è stato fatto sempre da Apple nel comunicato ricordato nel punto precedente. I vantaggi di questa scelta tecnica? La possibilità di conferire maggior validità alle descrizioni tecniche, la cui veridicità viene sottolineata dal punto di vista di chi ha gestito direttamente la realizzazione di un prodotto (nell’immagine sottostante gli ultimi paragrafi del comunicato in questione).

ufficio stampa

La qualità della presenza sui social è basilare per qualsiasi ufficio stampa al passo con i tempi ma, come già ricordato, è impossibile trascurare il comunicato stampa, che rimane sempre il punto di riferimento primario per costruire delle relazioni forti con i media e per muoversi in maniera incisiva in occasioni importanti come i lanci di prodotto.


Se vuoi, qui puoi leggere altri consigli di Ufficio Stampa:

Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.