Ufficio stampa: il comunicato perfetto è possibile

Quando si parla di attività di ufficio stampa e della realizzazione di comunicati, è fondamentale analizzare quelli che sono i passi utili alla redazione di un contenuto testuale efficace, che sia punto di partenza valido per tutto il percorso successivo.

Il comunicato stampa deve rispondere a delle regole precise per quanto riguarda la formattazione e l’ottimizzazione social: prima di concentrare gli sforzi su questi ambiti è però essenziale essere sicuri della qualità della parte testuale.

Il comunicato stampa è prima di tutto un prodotto editoriale, un testo che deve essere frutto di alcuni passi tecnici essenziali per risultare utile al target di riferimento. Vediamo quali sono, attraverso alcuni consigli dedicati a chi vuole ottimizzare fin dall’inizio un’attività di ufficio stampa.

Ascolta i social

La gestione tecnica completa di un’attività di ufficio stampa non può prescindere da un processo di ascolto dei social media, e dall’analisi di tutte le conversazioni riguardanti un brand sulle piattaforme di networking.

Si tratta di un passo preliminare fondamentale quando si parla di redazione di comunicati stampa efficaci, che siano caratterizzati dalla presenza di contenuti utili e pertinenti alle aspettative dell’utenza che si interfaccia con i media per trovare specifiche informazioni.

Fai attenzione agli avverbi di modo

Utilizzare troppi avverbi di modo non rappresenta un’impostazione tecnica utile quando si tratta di redigere un comunicato stampa efficace (si tratta di una scelta poco funzionale in generale), con un impianto testuale in grado di attirare l’attenzione di un giornalista, e spingerlo ad approfondire l’argomento principale.

Gestire un’attività di ufficio stampa non significa procedere secondo logiche di promozione aggressiva, ma lavorare sulla qualità dei contenuti, il primo passo per coltivare un rapporto positivo con i media e per fidelizzare gli utenti finali.

Cura l’oggetto della mail

L’attenzione alla qualità testuale di un comunicato stampa non termina con la conclusione del processo di redazione e con la messa a punto dei dettagli tecnici funzionali alla sinergia con i social.

Anche l’oggetto della mail con cui si diffonde il comunicato deve essere curato, facendo in modo che risaltino i punti forti del contenuto interno, che lo rendono meritevole di essere letto per il fatto di portare in evidenza effettive novità in merito a un prodotto, a un evento, a un programma politico.

Un consiglio pratico? Evita d’includere la dicitura “comunicato stampa” nell’oggetto della mail, e lascia spazio alla presentazione di tutti i dettagli in grado di suscitare l’interesse del giornalista.

Un’attività di ufficio stampa 2.0 implica un’attenzione a diversi aspetti, che vanno dalla scelta di contenuti visuali ad hoc per ciascuna situazione fino alla cura della presenza sui diversi social. In tutto questo non devono essere dimenticate le basi, ossia la redazione di contenuti testuali utili a chi ogni giorno – per ragioni professionali – cerca e approfondisce storie e punti di vista tecnici interessanti per gli utenti finali.


Leggi anche:



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.