Social media training per amministrazioni locali: come usare gli hashtag

social media training

Un percorso di social media training è fondamentale per qualsiasi amministrazione locale. Essere presenti in maniera efficace sui social significa dialogare in maniera chiara e completa con i cittadini, e gli hashtag hanno un ruolo molto importante a questo proposito.

L’utilizzo puntuale degli hashtag fa parte dei fondamentali di un percorso di social media training, e le amministrazioni locali non possono prescindere da un’attenzione approfondita a questo ambito.

Ecco qualche rapido consiglio utile a chi vuole evitare errori, e per scoprire come è meglio muoversi quando si parla di hashtag efficaci nel social media training per amministrazioni locali.

1. Non trascurarli

Gli hashtag sono essenziali per l’ottimizzazione dei contenuti sui social, soprattutto quando si parla di profili e pagine di amministrazioni locali, che hanno necessità di promuovere eventi e progetti istituzionali massimizzando l’efficacia degli sforzi.

Sono troppi i casi di amministrazioni locali che, mettendo in secondo piano l’importanza del social media training, trascurano totalmente l’utilizzo degli hashtag, trattando i contenuti diffusi sulle piattaforme di networking con un approccio totalmente 1.0 (un esempio capitale a questo proposito è la pagina Facebook ufficiale della Regione Piemonte, dove non compare alcun hashtag per massimizzare la visibilità dei contenuti e dove è possibile vedere copia e incolla diretto dei comunicati stampa, altro errore strategico da non commettere).

2. Attenzione alla posizione

Un  percorso di social media training per amministrazioni locali non può in alcun modo trascurare l’importanza degli hashtag, che devono essere posizionati in maniera strategica. I contenuti erogati sulle piattaforme di networking possono essere condivisi da un’ampia gamma di utenti interessati (associazioni, uffici stampa, singole persone), e per questo motivo è fondamentale lavorare in modo da permettere l’eventuale aggiunta di commenti, utili per amplificare il processo di promozione.

La scelta ideale, sia che ci si muova per promuovere un evento, sia che si gestisca un percorso di comunicazione di crisi, consiste nel posizionare l’hasthag all’inizio del contenuto, così da permettere l’inserzione di eventuali commenti dopo una condivisione, e rendere immediatamente comprensibile il tema del post (un riferimento sempre molto puntuale è l’approccio messo in atto dal Comune di Milano, che in tutti i casi riesce a rendere l’hashtag un elemento utile nella fruizione del contenuto).

social media training

3. L’importanza della geolocalizzazione

Il social media training per amministrazioni locali, quando concentra l’attenzione sull’utilizzo dell’hashtag, non può prescindere dall’importanza della geolocalizzazione, che costituisce un ambito fondamentale quando si parla di ottimizzazione dei contenuti, soprattutto in comunicazione di crisi.

Quando si inseriscono nomi di località in un post, è molto utile farlo associando un hashtag al termine, in modo da amplificare l’efficacia del contenuto nell’ambito dell’area di competenza dell’amministrazione locale a cui è legata una pagina o un profilo.

Questa regola è utile soprattutto su Twitter, e un riferimento utile per capirne l’importanza è riscontrabile osservando l’approccio del Comune di Desio (uno dei pià attivi sui social in Italia) in occasione delle esondazioni di metà novembre.

social media training

Un percorso di social media training per amministrazioni locali non può prescindere da una gestione puntuale degli hashtag, che costituiscono un punto tecnico molto utile per instaurare un dialogo costruttivo con l’utenza, basato sull’ottimizzazione dei contenuti e sull’equilibrio tra chiarezza e pervasività.


Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.