Social media training: amministrazioni locali e gestione dei contenuti visuali

VisualMediaMisterMedia

Chi si occupa di social media training non può prescindere dall’attenzione ai contenuti visuali, fondamentali per veicolare in maniera efficace le caratteristiche di un brand e per attirare l’attenzione dell’utenza. Un’amministrazione locale che si affaccia al mondo dei social deve, ovviamente, curare anche questo aspetto del social media training, così da costruire una presenza il più efficace possibile.

Le immagini sono, in generale, basilari per incrementare il traffico al proprio sito; lo sono ancora di più quando si parla di social media training dedicato a Comuni o regioni, realtà, queste, che hanno la necessità di attuare una strategia a volte molto complessa, che si muove tra promozione di eventi e diffusione d’informazioni di natura pratica.

I suggerimenti utili per capire cosa sia meglio fare sono davvero tanti, e noi oggi ne abbiamo scelti tre.

  • Non c’è solo Facebook: non di solo Facebook si parla quando si chiama in causa il social media training di qualità per amministrazioni locali, e ovviamente anche l’aspetto della content curation legata alle immagini. I visual social (Pinterest e Instagram) rappresentano un’ottima scelta per rendere più efficace la promozione di eccellenze territoriali, per esempio in ambito artistico e culturale.

social media training

Un esempio interessante per inquadrare meglio questo punto riguarda il Comune di Milano, il cui Ufficio Promozione Attività Culturali ha un profilo su Pinterest, purtroppo con pochi contenuti. Nonostante questa mancanza importante, la scelta strategica di base è molto positiva per un percorso di social media training. Le piattaforme di networking prettamente visuali sono utili alle amministrazioni locali in quanto non solo permettono di veicolare i contenuti in maniera mirata grazie al richiamo emozionale, ma anche di dare risalto a iniziative specifiche, come dimostra la bacheca Pinterest dedicata al percorso museale Un’opera d’arte per Milano.

  • L’aspetto partecipativo: il social media training per amministrazioni locali deve guardare con molta attenzione alle opportunità partecipative offerte dalle piattaforme di networking. Un Comune e una regione sono brand a tutti gli effetti e necessitano quindi di essere promossi, anche aprendosi ai contributi di chi ogni giorno ne vive i vantaggi e i problemi.

Un riferimento molto utile per comprendere le applicazioni pratiche di questo consiglio di social media training riguarda il Comune di Rimini che, sulla propria pagina ufficiale, di Facebook ha dedicato un album a un’iniziativa partecipativa di visual storytelling culturale, che vede i cittadini chiamati a fotografare i monumenti della città e a condividere online gli scatti. Si tratta di un progetto chiaramente semplice, ma proprio l’immediatezza (come abbiamo ricordato anche qui) è la caratteristica che porta più vantaggi quando si tratta di creare engagement sui social.

social media training

  • Spazio all’hashtag: quando è in corso un’iniziativa ufficiale (come quella appena ricordata) è molto utile che sia dato spazio all’hashtag associato, anche e soprattutto attraverso i contenuti visuali. Il social media training per amministrazioni locali non può prescindere dall’attenzione alla diffusione degli hashtag per la promozione di eventi e campagne di comunicazione, e le immagini rappresentano una scelta di grande efficacia per aumentare la loro visibilità.

Un esempio pratico in cui è stato messo in atto questo suggerimento di social media training si può trovare sulla pagina ufficiale del Comune di Milano su Facebook dove, tra le immagini di copertina (il primo contenuto visuale che incontra l’attenzione dell’utente), ne compare una dedicata all’edizione 2013 di Book City Milano, con l’hashtag ufficiale della manifestazione presentato nella location principale attraverso una semplice ma chiarissima azione di ambient marketing.

social media training

Il social media training per amministrazioni locali non può non passare da un’attenta selezione dei contenuti visuali: le piattaforme di networking li hanno riportati al centro della nostra esperienza quotidiana di utenti, rendendoli uno dei principali strumenti per veicolare i valori di un brand in maniera efficace e mirata.

Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.