Il Parlamento di Facebook

mistermediaMistermedia è sempre attento a cosa accade sul social network  più popolato del mondo, 17,3 milioni di Italiani sono iscritti a Facebook, se escludiamo gli anziani e i bambini piccoli, si può dire che una larga fetta del nostro paese usa questo mezzo di comunicazione.

Abbiamo studiato le pagine dei nostri uomini politici per capire la loro capacità di utilizzare internet e il consenso che ricevono nella rete.

Ipotizzando una votazione tra gli utenti di Facebook  il presidente risulterebbe sempre Silvio Berlusconi, la sua pagina ufficiale piace a 241 mila utenti, peccato che sia per praticamente “morta” e nessun messaggio campeggi in bacheca, misteri comunicativi.

Secondo classificato o se vogliamo il capo dell’opposizione del parlamento virtuale sarebbe Antonio di Pietro che al contrario di Berlusconi ha una pagina ufficiale sempre aggiornata e riceve feedback positivi dai suoi ben 168 mila sostenitori, quella del suo partito L’I.d.V. invece ha meno seguito, solo 6000 iscritti, evidentemente per i suoi elettori conta l’uomo e meno il partito.

Di Pietro one man band !

di_pietro-150x150

Pierluigi Bersani piace a 47 mila persone, terzo, ma potrebbe consolarsi col buon risultato del suo Partito Democratico che con 43mila preferenze risulta della pagina ufficiale di partito più cliccata, 3000 voti in più del P.D.L.; bisogna dire però che i due partiti più importanti hanno un universo di pagine ufficiali delle sezioni locali, alcune più aggiornate altre meno, ma come nella realtà assisteremmo a un pareggio.

Pierferdinando Casini si difende bene su Facebook .

Con 17 mila sostenitori risulta al quarto posto della nostra graduatoria virtuale di gradimento. La sua pagina è ricca di contenuti politici e aggiornamenti sull’attività del gruppo parlamenta. Casini non perde occasione per commentare l’attività del governo e dire la sua.

casini150x150

La parte moderata del parlamento non ha perso la propria attitudine comunicativa: retaggio della vecchia Democrazia Cristiana?

11 mila voti per Nichi Vendola più molte altre pagine dedicate a lui, fare calcoli in questo caso risulta quasi impossibile, la solita “anarchia . Ottimo risultato per la quantità di contenuti postati ogni giorno, l’ interazione con i sostenitori e la quantità di iniziative proposte. La comunicazione di Nichi Vendola “ci piace”.

ROMA: RIUNIONE NAZIONALE DI SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA' CON NICHI VENDOLA

Fini, 2,8 mila voti, è un flop, va un pò meglio la pagina di Italo Bocchino 5,7mila e quell di F.L.I. 7 mila “click” di approvazione; considerata la visibilità mediatica degli ultimi mesi crediamo che si dovrebbe fare di più e meglio, specialmente il Presidente della Camera dovrebbe sforzarsi di esprimere qualche contenuto o quantomeno moderare i messaggi dei sostenitori sulla sua bacheca. Dormiente.

fini-225x155

La nostra ricerca ha prodotto anche dei risultati bizzarri: Ignazio La Russa non ha una vera e propria pagina ufficiale, contiene solo il collegamento alla sua biografia su Wikipedia. In compenso la pagina ironica “Un caffè con la Russa” conta 6000 iscritti, tanti quanti sono gli utenti a cui piace quella della Lega Nord, sorprendente che la pagina  “ora più che mai no alla Lega Nord” ne conta più di 15 mila. Nel mondo virtuale la realtà appare capolvolta.

larussa_150x140

Dichiara di non essere un politico, per questo non è il presidente del nostro parlamento di Facebook, ma la pagina ufficiale di Beppe Grillo è sicuramente la più apprezzata: piace a 511 mila persone, praticamente ha più consensi di tutte le pagine che abbiamo analizzato messe insieme. Certamente il suo passato televisivo lo aiuta moltissimo, è un anchor man, le sue capacità comunicative sono superiori a molti protagonisti della politica, ha idee da proporre, ma crediamo che il suo successo nella rete dipenda anche dalla sua esperienza nell’usare lo strumento. E’ stato il primo a servirsi dei mezzi di comunicazione virtuali , il suo sito ufficiale e tutta la rete di Blog e siti a lui legati che lo sostengono ormai da anni lo rendono un’ icona del popolo di internet, un opinion leader.

Beppe-Grillo-con-basco-250x208

Chissà cosa accadrebbe se decidesse di candidarsi alle elezioni vere e proprie? Finora le liste elettorali legate a lui non hanno avuto molto successo. Non è mai scontato che il consenso si trasformi in voti.

Alla fine della nostra strana ricerca possiamo affermare gli italiani esprimono su Facebook preferenze virtuali simili a quelle reali: vittoria personale di Silvio Berlusconi,alto gradimento per Di Pietro e Vendola considerate reali alternative al Presidente, sostanziale pareggio tra P.D. e P.D.L. e poca passione per gli estremismi di destra e sinistra.



Autore: Irene Bertucci
Biographical Info Irene Bertucci
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience