Public speaking: come ottimizzare il messaggio chiave di un discorso

Il public speaking efficace è il risultato di una pianificazione. Un discorso convincente deve avere un obiettivo specifico e, di conseguenza, anche un messaggio chiave.

Ottimizzare il messaggio chiave di un discorso è essenziale quando si parla di public speaking efficace, e solo l’allenamento costante è in grado di assicurare il raggiungimento di risultati di qualità.public speaking

L’esercizio deve essere affiancato dall’attenzione agli esempi, processo essenziale per migliorare il livello del proprio public speaking. Ecco quindi qualche pillola tecnica in merito, legata a riferimenti illustri e a discorsi che sono riusciti a convincere il pubblico.

Trucchi retorici e descrizioni vivide

Ottimizzare il messaggio chiave di un discorso è facile se si conoscono i trucchi tecnici giusti. Un’impostazione utile consiste nel ribadirlo dando spazio a espedienti retorici e, nel contempo, a descrizioni in grado di aiutare il pubblico a comprendere meglio il concetto presentato.

Un esempio che consente di capire l’importanza di quanto appena affermato è il discorso dal titolo Women’s Rights are Human Rights, tenuto da Hillary Clinton nel 1995 nel corso della UN Conference of Women.

Guardando il video sottostante a partire da 2:18 è infatti possibile riconoscere la ripetizione anaforica della frase It is a violation of human rights associata alla descrizione concreta e vivida di singole situazioni riguardanti la violazione dei diritti delle donne nel mondo.

Concludi con un elenco

L’oratore davvero abile sa perfettamente quando chiamare in causa un determinato trucco tecnico ed è consapevole dell‘effetto che può avere sull’attenzione del pubblico. Questa sensibilità è fondamentale quando si punta a ottimizzare il messaggio chiave del discorso.

Un consiglio utile per massimizzarlo consiste nell‘includerlo nell’ambito di un elenco di tre o più punti, come è stato fatto da Sheryl Sandberg nel 2012 nel corso di un momento di public speaking alla presenza degli studenti della Harvard Business School.

Come è chiaro dagli ultimi minuti del video sottostante, la Sandberg conclude il discorso con un elenco di quattro consigli agli studenti, l’ultimo dei quali, ossia la frase  your generation accomplish what mine has failed to do, è caratterizzato da un’alta valenza motivazionale e costituisce il messaggio chiave dell’intera performance di public speaking.

In questo modo, presentando frasi semplici e facendo leva sull’efficacia dell’enumerazione, è possibile facilitare il processo di memorizzazione.

Ricorri allo storytelling

Il ricorso alla narrazione è uno degli espedienti più efficaci quando si tratta di ottimizzare il messaggio chiave di una performance di public speaking.

Dare spazio allo storytelling prima del focus sul messaggio chiave è un ottimo espediente per aiutare il pubblico a memorizzare il concetto, come dimostra il celeberrimo caso del discorso di Steve Jobs ai neo laureati di Stanford, occasione in cui il messaggio chiave, il motto Stay Hungry. Stay Foolish, è preceduto dal racconto di un aneddoto dell’adolescenza di Jobs.

Il public speaking efficace è questione di allenamento e di attenzione all’obiettivo finale del discorso, al quale è possibile arrivare individuando un messaggio chiave e impegnandosi a ottimizzarlo.


Qui, se vuoi, puoi leggere altri consigli per migliorare il tuo Public Speaking:



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.