Public speaking: consigli per il ricorso a oggetti di scena

public speaking

Quando ci si prepara in vista di un momento di public speaking è bene prendere in considerazione il ricorso a oggetti di scena – i cosiddetti props – che possono risultare decisivi per l’efficacia del discorso.

Il public speaking di qualità è questione di dimestichezza con le regole inerenti la presentazione dei contenuti, la gestione del linguaggio non verbale e di quello paraverbale, ma è anche legato al ruolo che possono avere eventuali oggetti di scena chiamati in causa per conferire maggior chiarezza all’esposizione.

Quali consigli è bene seguire in questi casi? Oggi ne osserviamo assieme tre, analizzando alcuni case history che devono essere approfonditi se si ha intenzione d’imparare qualcosa di nuovo sulle tecniche di public speaking.

Sorprendi la platea

Il ricorso a un oggetto di scena durante un’occasione di public speaking può risultare particolarmente vantaggioso se si punta a sorprendere la platea. In questo modo è infatti più facile fissare determinati concetti nella memoria di chi ascolta il discorso.

Un esempio che viene spesso chiamato in causa quando si parla di props e di tecniche di public speaking riguarda Bill Gates e il discorso Mosquitos, malaria and education, tenuto nel 2009 sul palco di TED. Come si vede a 5:24, Gates sceglie di liberare in sala alcune zanzare per mostrare in maniera sorprendente e senza dubbio concreta parte di quanto viene vissuto quotidianamente dalle popolazioni africane in Paesi in cui la malaria è un problema endemico.

Punta alla concretezza

Utilizzare oggetti di scena quando si parla davanti un pubblico significa mettere in primo piano la concretezza. Questo vuol dire che l’ausilio scelto deve essere perfettamente legato al messaggio chiave del discorso. Una dimostrazione in merito, tanto efficace quanto celebre, riguarda il discorso della neuroscienziata Jill Bolte Taylor – siamo nel 2008 sempre sul palco di TED – che prima di portare in scena un vero cervello umano ha specificato la natura delle sue ricerche scientifiche e il motivo per cui ha iniziato ad approfondire il tema delle funzioni cerebrali (guarda il video del momento di public speaking a partire da 0:23).

Fornisci indicazioni tecniche utili e immediate

Gli oggetti di scena possono risultare decisivi per l’efficacia di un discorso soprattutto se sono in grado di fornire al pubblico indicazioni tecniche utili relative al tema principale dell’interazione. Un esempio al proposito che ha fatto la storia del public speaking chiama in causa Steve Jobs e la presentazione del primo Macintosh, durante la quale – come si vede a partire da 44:29 – è stata palesata una dimostrazione tanto chiara quanto immediata del funzionamento del prodotto.

L’utilizzo di oggetti di scena può cambiare il corso di una performance di public speaking, ma è necessario avere le idee chiare su come integrare questi ausili nel processo di comunicazione ed esercitarsi a fondo per gestirli in maniera naturale e soprattutto utile al pubblico.


Leggi altri consigli di Public Speaking



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini

Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico”

Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication.

Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell’Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall’imprenditore al manager.

Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero.

Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.