Lezioni di public speaking politico da Hillary Clinton

public speaking

La padronanza delle tecniche di public speaking è basilare per un politico che diffonde un messaggio con l’obiettivo di convincere il proprio target a mettere in atto una determinata scelta di voto.

Il public speaking politico, quando si basa sulla qualità, è in grado d’influenzare radicalmente l’immagine di chi parla davanti a una platea, portando in primo piano temi cruciali per il successo di una campagna elettorale.

Hillary Clinton ha offerto un ottimo spunto di analisi al proposito, con un discorso tenuto alla Columbia University e incentrato sugli orizzonti di riforma della giustizia penale (potete trovarlo completo qui). Vediamo perché si tratta di un’eccellente lezione di public speaking politico.

Chiarezza dei contenuti e degli obiettivi

Una caratteristica nodale del public speaking politico efficace è la chiarezza dei contenuti presentati. Quando si parla davanti a un pubblico con l’obiettivo di convincere chi è seduto in platea – e chiunque ascolti o legga successivamente il discorso online – a dare il proprio voto bisogna esprimersi mettendo da parte qualsiasi tecnicismo e portando in primo piano degli obiettivi pratici facili da focalizzare.

L’ex First Lady concretizza quanto appena detto elencando nella parte centrale del discorso due traguardi da raggiungere per rendere migliore la giustizia penale – ripristino di un rapporto di fiducia tra cittadini e forze dell’ordine e nuove modalità di gestione delle carcerazioni – e sviscerandone le peculiarità con riferimenti statistici e temporali puntuali.

Empatia

L’empatia è un particolare fondativo in molti processi di comunicazione e il public speaking non fa eccezione. Quando si parla davanti a un pubblico con l’obiettivo di convincere chi ascolta a esprimere una determinata preferenza elettorale è importante non dimenticare questo aspetto, che contribuisce ad annullare molte delle distanze con il pubblico seduto in platea.

Anche in questo caso la performance di Hillary Clinton è un riferimento di qualità, grazie in particolare al passaggio in cui esprime il suo cordoglio per i giovani afroamericani morti negli scontri con la polizia in quanto madre, nonna, cittadino ed essere umano (Not only as a mother and a grandmother but as a citizen, a human being, my heart breaks for these young men and their families).

Riferimenti politici storici

Il richiamo a modelli politici che si sono rivelati efficaci o che sono caratterizzati da una particolare valenza simbolica è essenziale per la tipologia di public speaking che stiamo osservando.

Si tratta di un espediente utile per rendere ancora più chiari i contenuti presentati, attraverso il riferimento a situazioni già cristallizzate nella memoria storica dell’uditorio.

Hillary Clinton lo mette in atto chiamando in causa l’esempio di David Dinkins, il primo sindaco afroamericano di New York, e definendo la sua sfida per la tutela dei diritti delle minoranze etniche un punto di partenza utile per la realizzazione degli obiettivi presentati durante il discorso.

Il public speaking politico è questione di allenamento e di cura tecnica dettagliata dei contenuti, che devono essere scelti mirando a convincere della validità del proprio programma attraverso l’analisi dell’efficacia e dell’utilità di ogni singolo termine.


Leggi anche:



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.