Come comunicare gli eventi della pubblica amministrazione sui social

pubblica amministrazione

Quando si parla di pubblica amministrazione sui social non si può tralasciare un ambito come la comunicazione degli eventi, la cui importanza è nodale per la qualità dell’interazione con cittadini, media e attori di natura aziendale.

Comunicare bene sui social è un dovere per la PA e in occasione di eventi ancora di più: risulta ovviamente obbligatorio non improvvisare, ma muoversi tenendo conto di specifiche linee tecniche.

Oggi vogliamo presentarvi alcuni consigli al proposito, incentrati sull’ottimizzazione di momenti di comunicazione social fondamentali per la pubblica amministrazione.

Contenuti testuali accessibili

La qualità dei contenuti testuali è imprescindibile quando si parla di PA sui social. Nel caso degli eventi deve essere curata in maniera ancora più approfondita, per garantire punti di riferimento accessibili e tecnicamente validi. Un esempio utile al proposito? L’approccio adottato dal Comune di Milano sulla pagina ufficiale Facebook, dove alcuni dei post sono tradotti in inglese per essere maggiormente comprensibili al pubblico internazionale di Expo2015.

La presenza social della PA deve essere orientata a un livello di chiarezza il più alto possibile e nel caso di un evento non si può non considerare l’importanza dei contenuti testuali nella completezza del processo d’interazione.

Attenzione alle immagini

Raccontare un evento sui social significa dedicare molta cura alla qualità dei contenuti visuali: quando si parla di PA questa rilevanza risulta amplificata per via dell’immediatezza comunicativa delle immagini, caratteristica che facilita la condivisione da parte di media e utenti finali.

I contenuti visuali continuano a rappresentare un riferimento importante quando si tratta di conversione social: nell’ambito della sinergia tra pubblica amministrazione e social network sono fondamentali soprattutto nella comunicazione degli eventi, in quanto utili alla creazione di processi di storytelling che eliminano molta della distanza tra PA e cittadini.

Un riferimento tecnico interessante per capire meglio quanto abbiamo appena presentato possiamo trovarlo sulla pagina Facebook del MIUR, dove è stato gestito con particolare attenzione il visual storytelling dell’ultima edizione delle Olimpiadi di Italiano.

Non trascurare i retweet

Comunicare un evento sui social significa creare contenuti efficaci per tutte le piattaforme di networking, senza concentrarsi esclusivamente su Facebook. Questa regola riguarda ancora di più il caso della PA, che in Twitter ha un punto di riferimento essenziale soprattutto per tutto quello che riguarda il customer care.

Il retweet è basilare durante la comunicazione di un evento, nella cui preparazione possono essere coinvolte numerose realtà. Si tratta di un’impostazione tecnica tanto semplice quanto utile per fornire all’utente il maggior numero d’indicazioni per vivere un’esperienza di qualità.

La pubblica amministrazione sui social deve muoversi tenendo conto di specifiche regole tecniche da applicare costantemente. La comunicazione degli eventi costituisce una situazione particolarmente utile nella comprensione di quelli che sono gli schemi da seguire per far sì che la pubblica amministrazione sia presente sui social in maniera efficace e tecnicamente vantaggiosa per il cittadino.


Leggi anche:



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.