Pubblica amministrazione 2.0: i consigli per raccontare un evento locale sui social

pubblica amministrazione

La pubblica amministrazione 2.0 non può fare a meno di ottimizzare la visibilità di eventi locali, occasioni utili per migliorare il dialogo con i cittadini e con le realtà aziendali presenti su un determinato territorio.

La pubblica amministrazione che si apre ai social non può trascurare come raccontare un evento locale e deve mettere in campo degli accorgimenti tecnici per trasmettere informazioni chiare ai cittadini, attirando di conseguenza la loro attenzione.

Quali sono i consigli per gli enti della pubblica amministrazione che vogliono raccontare un evento locale sui social e massimizzarne la visibilità? Oggi ne vedremo assieme tre, prendendo come esempio alcuni case history interessanti.

Crea un evento su Facebook

Quando parliamo di pubblica amministrazione 2.0 inquadriamo prima di tutto la necessità di una presenza efficace su Facebook, essenziale per interagire in maniera efficace con gli utenti.

Nel caso della promozione di eventi locali è consigliabile fare riferimento all’apposita funzione del social, creando un evento anche per targetizzare meglio la comunicazione. Un esempio interessante in merito possiamo trovarlo osservando l’approccio del Comune di Milano, con un evento Facebook creato ad hoc per la manifestazione Green City Milano (vedi immagine sottostante).

pubblica amministrazione

 Attenzione ai contenuti testuali

Gli eventi locali sono delle occasioni per evidenziare eccellenze culturali e aziendali, ma anche per portare l’attenzione su problemi specifici e sulle opzioni per risolverli. Per fare in modo di ottenere risultati positivi al proposito è necessario puntare su contenuti testuali di qualità, fondamentali per l’efficacia dei singoli post social.

Un altro esempio valido in merito possiamo trovarlo sulla pagina Facebook ufficiale del Comune di Milano, con il post visibile nell’immagine sottostante e caratterizzato da una cura approfondita riservata all’aspetto testuale (molto incisivo l’incipit), che rende il contenuto un felice esempio di micro storytelling locale.

pubblica amministrazione

Non dimenticare la rassegna stampa

Le pagine e i profili social degli enti della pubblica amministrazione devono rappresentare dei punti di riferimento completi per gli utenti e il caso della promozione di eventi locali non fa eccezione. Cosa significa questo a livello concreto? Che può essere per esempio utile – al fine di migliorare la visibilità dell’evento, fornire un ‘polso’ effettivo del suo successo e dare spazio a tutti gli eventuali partner – postare sui social la rassegna stampa dedicata.

Un riferimento per capire meglio quanto appena specificato possiamo trovarlo sulla pagina Facebook ufficiale del Comune di Desio, con i rimandi alla rassegna stampa locale relativa all’evento Ville Aperte in Brianza (vedi immagine sottostante per un esempio preciso).

pubblica amministrazione

La promozione di eventi locali è nodale per la pubblica amministrazione che si apre ai social e che punta a implementare la qualità della comunicazione con gli utenti finali, tenendo conto delle esigenze di diverse tipologie d’interlocutori che ogni giorno interagiscono con pagine e profili per ragioni sia personali sia professionali.


Leggi altri consigli per comunicare con i social nella Pubblica Amministrazione



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.