PA social: condividere video su Facebook

I contenuti video sono essenziali se si ha intenzione di essere presenti in maniera efficace sui social. Anche quando si parla di pubblica amministrazione 2.0 è utile concentrarsi sull’importanza dei contenuti video condivisi sulle piattaforme di networking e in particolare su Facebook.

L’immediatezza dei video rappresenta un espediente di engagement molto valido, da prendere in considerazione anche quando si guarda all’ambito della pubblica amministrazione 2.0 e agli enti tenuti a comunicare in maniera chiara e rapida con gli utenti.

pubblica amministrazione

Quali consigli è meglio seguire per condividere video sulle pagine social della pubblica amministrazione? Oggi ne abbiamo selezionati alcuni per voi, per aiutarvi ad approfondire l’approccio degli enti della pubblica amministrazione all’universo 2.0 e alla comunicazione efficace con l’utenza.

Brevità prima di tutto

La prima regola da seguire quando si parla di video per le pagine Facebook degli enti della pubblica amministrazione riguarda la brevità. I video nativi di Facebook sono contenuti che vengono fruiti in maniera immediata e, soprattutto quando riguardano la pubblica amministrazione 2.0, devono essere chiari e di breve durata – massimo 4/5 minuti – così da massimizzare il messaggio (in particolare se è legato a una campagna di comunicazione).

Focus sull’aspetto interattivo

I video sono contenuti che, come già specificato, ricoprono un ruolo essenziale nel miglioramento dell’engagement sui social. Per tale motivo possono essere utilizzati per amplificare l’aspetto interattivo che caratterizza i profili e le pagine degli enti della pubblica amministrazione. Per capire meglio quanto appena specificato possiamo osservare la pagina Facebook ufficiale del Comune di Milano, sulla quale sono stati postati brevi video di follow up – ecco un esempio – alla fine dei Q&A con gli assessori organizzati in occasione della campagna di promozione del bilancio partecipativo.

Spazio alle informazioni pratiche

Tra i compiti degli enti della pubblica amministrazione sui social rientra la divulgazione d’informazioni utili a livello pratico, grazie alle quali arrivare anche alla risoluzione di determinati problemi quotidiani. I contenuti video su Facebook possono essere decisivi al proposito e un caso che merita di essere analizzato per capire meglio quanto appena specificato riguarda il Comune di Pistoia, che alla fine del mese di giugno ha diffuso su Facebook un video nativo – questa amministrazione locale non presidia YouTube – molto breve e incisivo dedicato alla prevenzione delle truffe domestiche.

Sui social è fondamentale il fattore tempo, ma è obbligatorio – in particolare quando si guarda all’ambito della pubblica amministrazione – non dimenticare l’efficacia dei contenuti e renderli funzionali al raggiungimento di determinati obiettivi di comunicazione definiti nel piano editoriale. La pubblica amministrazione 2.0 non può quindi mettere in secondo piano l’importanza dei contenuti video nativi sui social, che devono essere scelti con attenzione al fine di dare corpo a un’interazione di qualità tra enti della PA, cittadini e realtà aziendali attive su uno specifico territorio.


Se vuoi, qui puoi leggere altri consigli per PA Social:

Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.