PA Social: come parlare di ricorrenze nazionali online

Tra i compiti di una PA Social c’è anche la necessità di parlare di ricorrenze nazionali, come per esempio il 25 aprile.

Pa Social

Puntare sullo storytelling e sul senso di comunità legato a giornate di questa natura è fondamentale se si vuole rendere la presenza sui social degli enti della pubblica amministrazione un motivo di valorizzazione di una specifica identità culturale.

Per capire come dovrebbero muoversi gli enti di una PA Social in questi casi, prendiamo come esempio proprio il ‘racconto’ social della giornata del 25 aprile, cercando di ricavare il maggior numero di spunti a partire dai riferimenti pratici.

[Tweet “#PAsocial: come parlare di ricorrenze nazionali online.”]

1. Attenzione agli eventi

Analizzare l’approccio social a una ricorrenza nazionale come il 25 aprile significa chiamare in causa la copertura degli eventi, che rappresentano un tassello fondamentale per gli enti della pubblica amministrazione presenti sui social, che possono così migliorare la promozione online delle eccellenze artistiche e culturali locali.

Per un esempio efficace in merito possiamo analizzare le scelte tecniche del Comune di Milano che, sulla pagina principale di Facebook, ha pubblicato un post con l’elenco completo degli eventi organizzati per la giornata sul territorio cittadino (vedi immagine sottostante).

pubblica amministrazione

2. Cura della rassegna stampa

La rassegna stampa rappresenta un aspetto da curare anche quando si parla di enti della pubblica amministrazione social, che hanno così la possibilità di implementare il lavoro sull’immagine del brand, migliorando il servizio fornito al target finale.

L’attenzione alla rassegna stampa deve far parte anche del ‘racconto’ online di una ricorrenza nazionale come il 25 aprile, proprio per la necessità di muoversi nell’ottica del miglioramento della reputazione del singolo ente.

Per capire meglio quanto appena affermato possiamo citare l’esempio del Comune di Firenze, che ha dato risalto su Twitter a uscite mediatiche come quella visibile qui e dedicata a un’azione virtuosa dell’amministrazione locale.

pubblica amministrazione3. Narrazione partecipativa

Come già specificato, ricorrenze nazionali come il 25 aprile rappresentano delle occasioni per rafforzare il senso di comunità, cosa che che deve essere presa in considerazione dagli enti della pubblica amministrazione, che possono partire da questo punto per costruire dei percorsi di narrazione partecipativa.

Per un esempio specifico analizziamo l’approccio positivo del Comune di Bologna alla gestione di Instagram focalizzandoci in particolare sul post visibile qui e nel quale, come è chiaro dall’immagine sottostante, gli utenti sono invitati a partecipare alla narrazione visiva sulla giornata del 25 aprile, postando sul social scatti incentrati sui luoghi della resistenza nella città emiliana.

pubblica amministrazione

Parlare di ricorrenze nazionali online

Le PA Social devono trattare le ricorrenze nazionali come delle occasioni per migliorare il rapporto con l’utenza attraverso la cura approfondita dei contenuti.

Solo lavorando in maniera specifica su ciascuna piattaforma presidiata è possibile ottenere risultati efficaci e dare corpo a esempi di valore come quelli che abbiamo appena analizzato.


Se vuoi, qui puoi leggere altri consigli per PA Social:

Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
+39 06 42014100
www.mistermedia.it
Piazza di Campitelli, 2
00186 Roma (RM)