PA Social: come parlare di opere pubbliche online

Il volto social della pubblica amministrazione non può prescindere dall’attenzione al tema delle opere pubbliche, essenziali per l’immagine di un’amministrazione locale.

Il racconto delle peculiarità e del percorso di realizzazione delle opere pubbliche è fondamentale per la PA social e implica il ricorso ad alcuni accorgimenti tecnici basilari per interagire in maniera funzionale con il target e per mettere in campo contenuti di qualità.

Oggi approfondiamo questo aspetto e diamo qualche rapido consiglio pratico utile a capire come dovrebbero muoversi gli enti della pubblica amministrazione quando parlano di opere pubbliche sui social.

pubblica amministrazione

PA Social e opere pubbliche: spazio al work in progress

Parlare delle opere pubbliche sui social significa fornire un vero e proprio servizio in primo luogo ai cittadini, che hanno modo di ricevere informazioni aggiornate su progetti che, come già ricordato, possono essere decisivi per l’immagine di un’amministrazione locale, definendone la qualità anche a livello internazionale.

Per questo motivo può essere utile focalizzarsi sul work in progress e, attraverso contenuti visuali, fornire un’idea di come si sta sviluppando il progetto. Per un esempio positivo in merito possiamo fare riferimento all’account Twitter principale del Comune di Milano, dove sono state pubblicate alcune foto dedicate ai lavori attualmente in corso presso il velodromo Vigorelli (vedi immagine sottostante).

pubblica amministrazione Non trascurare le informazioni tecniche

Gli enti della PA Social dovrebbero ricordare sempre che parlare di opere pubbliche sui social vuol dire anche mettere in campo informazioni di natura tecnica, impegnandosi ovviamente a renderle chiare e comprensibili. L’avvento dei social ha portato in evidenza la necessità di trasmettere anche questi contenuti, che fino a qualche anno fa potevano essere trovati solo sui siti ufficiali dei singoli Comuni.

Oggi, grazie ai social, è possibile rendere tutto questo più immediato e fornire il quadro tecnico generale dei lavori relativi a un’opera pubblica anche sulla pagina Facebook di un ente della pubblica amministrazione. Esistono riferimenti positivi al proposito? La risposta è affermativa. Tra i tanti è possibile chiamare in causa ancora un’altra volta l’esempio del Comune di Milano, con il post che potete vedere nell’immagine sottostante e dedicato ai lavori di riqualificazione di una piazza.

pubblica amministrazione

E i contenuti video?

Anche i contenuti video rappresentano uno strumento strategico che non dovrebbe essere trascurato dagli enti della pubblica amministrazione che parlano di opere pubbliche sui social. Tornando all’importanza delle informazioni tecniche specificata nel punto precedente, si può affermare che, grazie a contenuti video di qualità, sia possibile dar loro ancora più risalto e interagire in maniera trasparente con i cittadini sempre alla ricerca di aggiornamenti sul territorio in cui vivono.

Un ottimo esempio al proposito è costituito dal video comunicato visibile sotto e dedicato all’avvio dei cantieri della linea M4 a Milano.

Parlare di opere pubbliche sui social è fondamentale per gli enti della pubblica amministrazione che, grazie alla cura dettagliata dei contenuti, possono informare in maniera puntuale i cittadini su alcune delle novità più rilevanti relative al territorio in cui vivono.


Se vuoi, qui puoi leggere altri consigli per PA Social:

Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience