PA social e tragedie internazionali: il caso degli attentati di Bruxelles

Tragedie di portata internazionale come gli attentati di Bruxelles del 22 marzo coinvolgono anche la PA Social e gli enti che, in maniera diversa, hanno la necessità di parlare della questione.

Come è stato trattato il fatto sui social degli enti della Pubblica Amministrazione? Quali scelte di comunicazione sono state messe in atto?

Oggi rispondiamo con voi a queste domande osservando l’approccio di alcune amministrazioni locali e cercando di capire come la PA Social dovrebbe ‘raccontare’ le tragedie internazionali.

attentato-bruxelles-pa-social-mistermedia

Contenuti visuali e hashtag ufficiali

Quando si parla delle scelte di comunicazione della PA social in occasione di tragedie internazionale è fondamentale ricordare l’importanza dei contenuti visuali, che ricoprono un ruolo essenziale nella definizione dell’immagine internazionale di un’amministrazione locale.

Un esempio di ottima gestione da questo punto di vista si può trovare analizzando la pagina Facebook di Roma Capitale, dove sono stati pubblicati – con specificazione dell’hashtag ufficiale #BruxellesAttack – scatti della cerimonia di commemorazione tenutasi alla presenza di Tronca (vedi immagine sottostante).

pubblica amministrazione

Gestione dei commenti

Parlare sui social della PA di tragedie internazionali come gli attentati di Bruxelles significa mettere in conto la possibilità di commenti negativi, che devono essere gestiti con attenzione, cercando di evitare flame – e quindi scongiurando eventuali crisi – ma chiarendo le questioni tecniche più importanti.

L’approccio del Comune di Roma può essere preso anche in questo caso come riferimento in merito ai commenti rilasciati in seguito alla pubblicazione delle foto della cerimonia di commemorazione (vedi immagine sottostante per due esempi specifici).

pubblica amministrazione

Simultaneità

Un altro consiglio utile per parlare di tragedie internazionali come gli attentati di Bruxelles sui social degli enti della pubblica amministrazione riguarda il fatto di lavorare in maniera simultanea su tutte le piattaforme social presidiate.

Nel caso specifico dell’attentato di Bruxelles si può parlare di un’attenzione contemporanea alle principali piattaforme social per quanto riguarda la comunicazione relativa alla cerimonia di commemorazione.

A questo proposito è utile portare come esempio l’approccio del Comune di Milano, che ha divulgato sull’account Twitter principale un post in cui vengono specificati sia il luogo sia l’orario della cerimonia di commemorazione (vedi immagine sottostante).

pubblica amministrazione

Dedicare spazio e attenzione sui social a tragedie come gli attentati di Bruxelles rappresenta una scelta molto importante per gli enti della pubblica amministrazione che, se si muovono senza trascurare nessuna piattaforma e curando le interazioni con gli utenti, possono migliorare la propria immagine.

Se improvvisare è in generale sbagliato, farlo in situazioni in cui si trattano temi di forte impatto emotivo e d’interesse internazionale lo è ancora di più e gli esempi che abbiamo citato mostrano quanto possa fare la differenza un approccio attento alle specificità di ciascun social e alla chiarezza delle informazioni fornite agli utenti finali.


Se vuoi, qui puoi leggere altri consigli per PA Social:

Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
+39 06 42014100
www.mistermedia.it
Piazza di Campitelli, 2
00186 Roma (RM)