PA social: la preparazione alle amministrative del 5 giugno

Parlare di PA social vuol dire anche tenere gli occhi aperti sulla comunicazione delle elezioni amministrative del 5 giugno 2016.

pubblica-amministrazione-amministrative-del-5-giugno

Parlare di PA social vuol dire tenere gli occhi aperti sui case history più interessanti. In questo novero è possibile includere la preparazione alle elezioni amministrative del 5 giugno.

Trattare questo aspetto significa, per un ente della PA intenzionato a essere presente sui social in maniera efficace, concentrarsi su diversi punti tecnici che non possono essere trascurati quando si punta a comunicare in maniera chiara quello che è sì un tema tecnico, ma che riguarda un diritto degli utenti.

Per capire come dovrebbero muoversi gli enti della PA social in questi casi non resta che prendere in esame alcune buone pratiche messe in atto online dai Comuni che si stanno preparando alle elezioni amministrative del 5 giugno.

Spazio alle W giornalistiche

Comunicare in maniera chiara ed efficace i dettagli tecnici relativi a un appuntamento come le elezioni amministrative è un dovere per gli enti della PA social. Per non sbagliare è bene partire dalle basi, il che significa non trascurare la qualità dei contenuti testuali su Facebook.

Per trovare un esempio positivo al proposito possiamo analizzare l’approccio del Comune di Torino che, sulla pagina ufficiale di Facebook, ha divulgato un post caratterizzato da un’attenzione specifica alle 5 W giornalistiche.

pubblica amministrazione

Non trascurare i contenuti video

Un altro aspetto che è bene tenere presente quando si discute di PA social e del trattamento di un appuntamento importante come le elezioni amministrative riguarda l’efficacia dei contenuti video che, come dimostra l’esempio del Comune di Roma su Twitter, possono essere utilizzati per arrivare a un’utenza numericamente molto ampia, mettendo così in primo piano un servizio di qualità.

Uniformità dei contenuti visuali

La comunicazione social legata a una scadenza come le elezioni amministrative del 5 giugno mette in primo piano una necessità specifica per gli enti della PA social che vogliono interagire in maniera funzionale con i cittadini e, di conseguenza, fornire loro un servizio di qualità.

Di cosa si parla di preciso? Della riconoscibilità immediata dei contenuti – soprattutto di quelli visuali, che in questi casi sono fondamentali per ottimizzare la chiarezza – che dovrebbero essere divulgati sui social più presidiati tenendo conto di un’uniformità generale.

Per un riferimento utile a capire meglio quanto appena affermato rimandiamo alla pagina Facebook ufficiale del Comune di Milano e all’account Twitter principale, dove sono stati divulgati post contraddistinti dal medesimo stile grafico.

pubblica amministrazioneComunicare gli appuntamenti elettorali

Gli appuntamenti elettorali rappresentano un momento importante nell’interazione tra enti della pubblica amministrazione e cittadini. Solo facendo attenzione alla qualità della presenza online è possibile ragionare puntando a risultati di successo quindi, di conseguenza, alla qualità costante della comunicazione tra PA social e utenti finali, il punto di partenza per un servizio di valore e per un’amministrazione davvero trasparente e attenta alle esigenze del target.


Se vuoi, qui puoi leggere altri consigli per PA Social:

Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
+39 06 42014100
www.mistermedia.it
Piazza di Campitelli, 2
00186 Roma (RM)