Media training: strumenti fondamentali per interviste efficaci

Il media training permette di gestire al meglio la propria reputazione, grazie ad alcuni strumenti fondamentali per rilasciare interviste di qualità

media-training-interviste-di-qualità

Seguire un percorso di media training significa garantire un buon esito alle interviste che si rilasciano, così come a conferenze stampa e partecipazioni a talk show.

Il media training è un dovere per chiunque ricopra una posizione di rilievo a livello aziendale o politico e ha quindi la necessità di interagire in maniera efficace con i media.

Scegliere un processo di media training è solo un vantaggio se si ha intenzione di gestire al meglio la propria reputazione, avendo sempre le idee chiare sugli strumenti fondamentali per rilasciare un’intervista di qualità. Quali sono? Oggi rispondiamo a questa domanda analizzandone tre, che permettono di capire da dove si dovrebbe partire ogni volta che si parla di media training di valore.

Preparazione generale e costante

Non è possibile progettare interazioni di valore con i media se non si mette in primo piano una preparazione generale e costante. Nell’universo della comunicazione digitale e istantanea, dove le interviste possono durare anche pochi minuti, non essere programmate e venir viste da un ampio numero di utenti in poco tempo, essere sempre preparati è fondamentale.

Per capire quanto dare per scontata la preparazione possa danneggiare la reputazione di chi rilascia l’intervista, possiamo analizzare il fail di Zac Goldsmith,candidato sindaco a Londra che, nel corso di una breve intervista a un programma BBC, dimostra una scarsa conoscenza della storia della capitale inglese (guarda il video sottostante fin dai primi secondi).

Cura continua del linguaggio del corpo e attenzione alle micro espressioni

La preparazione costante è importante tanto quanto la cura del linguaggio non verbale, un altro ambito da tenere sempre sotto controllo.

Per risultare efficaci e convincenti durante un’intervista non è sufficiente concentrarsi su particolari come la gestione delle mani e i gesti per rompere il ghiaccio con il giornalista, ma è utile considerare anche le micro espressioni che, come è chiaro dall’intervista rilasciata da Ted Cruz a una trasmissione della ABC a fine marzo, possono tradire poca sincerità nella risposta.

Per un esempio specifico è possibile guardare il video sottostante da 0:48 a 0:50 e vedere l’espressione di Cruz subito dopo una domanda relativa a Obama e Trump.

Gestione del tempo

L’ultimo strumento fondamentale per rilasciare un’intervista efficace è il tempo, la cui gestione è fondamentale se si punta a seguire le regole del media training. Questo significa, per esempio, che è bene non rispondere in maniera rapida e impulsiva anche in casi come quello a cui è dedicato il video sottostante, che vede Donald Trump incalzato dall’intervistatore esternare l’ormai celebre gaffe sull’aborto (vedi a 2:23).

Un’intervista di qualità è quanto di più lontano ci sia dal risultato di un percorso improvvisato. Bastano infatti pochi strumenti tecnici definiti per interagire in maniera funzionale con i giornalisti, seguendo le regole di media training e mettendo in primo piano un messaggio chiave chiaro e riconoscibile.


Se vuoi, qui puoi leggere altri consigli di media training per migliorare la tua comunicazione con i media:



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
<p>Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.</p> <p>Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico”</p> <p>Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication.</p> <p>Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell’Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall’imprenditore al manager.</p> <p>Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel.<br /> Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.</p>
+39 06 42014100
www.mistermedia.it
Piazza di Campitelli, 2
00186 Roma (RM)