La comunicazione politica di Hillary Clinton sul diritto all’aborto

Parlare di strategie di comunicazione politica online significa anche inquadrare il trattamento di specifiche tematiche che identificano una determinata campagna elettorale, definendone le caratteristiche tecniche e rendendola riconoscibile.

Nel caso di Hillary Clinton è possibile analizzare il recente focus su un tema come il diritto all’aborto, uno dei tratti che distinguono le sue proposte rispetto a quelle dei candidati repubblicani.

Come è stato trattato questo tema, considerato nodale nella campagna elettorale di Hillary Clinton, che ha dedicato fin da subito attenzione ad aspetti riguardanti i diritti delle donne? Ecco qualche pillola di comunicazione politica che è bene approfondire per capire meglio le peculiarità della comunicazione politica di Hillary Clinton in queste primarie USA.

comunicazione politica

Spazio ai contenuti video

Il tema del diritto all’aborto ha molto spazio nella comunicazione di Hillary Clinton, soprattutto sui social. Per avere le idee chiare in merito è possibile analizzare l’account Twitter principale, caratterizzato dalla presenza di diversi contenuti video incentrati sull’argomento.

L’approccio strategico in questione, che vede in primo piano la scelta di divulgare contenuti video dedicati al tema del diritto all’aborto con spezzoni di interviste alla Clinton stessa oltre che a Sanders e a Donald Trump, è un modo per comunicare con l’utenza in maniera più chiara e diretta, rendendo le proprie idee riconoscibili e sottolineando le differenze rispetto ai contenuti degli avversari.

La voce degli utenti

La comunicazione politica di Hillary Clinton sul diritto all’aborto – tema approfondito ulteriormente in seguito ad alcune dichiarazioni rilasciate da Donald Trump nel corso di un’intervista televisiva – vede molto spazio dedicato  quello che è un approccio basilare in questa corsa elettorale verso le primarie USA 2016.

Di cosa stiamo parlando? Della scelta di dare voce agli utenti finali e alle loro storie e opinioni – la struttura stilistica del video di ufficializzazione della candidatura alle primarie – che, nel caso del trattamento del tema del diritto all’aborto, è stata concretizzata con quattro interviste ad altrettante donne, che hanno espresso la loro opinione su alcune dichiarazioni di Donald Trump sull’argomento (le interviste si possono leggere qui).

Attenzione al fundraising permanente

Un’altra peculiarità riguardante la comunicazione politica di Hillary Clinton sul diritto all’aborto riguarda l’attenzione al fundrasing permanente, processo che, proprio perché prolungato nel tempo, ha bisogno di essere gestito facendo leva su determinati messaggi che identificano una campagna elettorale (vedi immagine sottostante per un esempio specifico al proposito).

comunicazione politica

La comunicazione politica di Hillary Clinton in queste primarie 2016 rappresenta un case history interessante per capire come gestire in maniera efficace e coerente i social, ma anche per avere le idee chiare su come dare visibilità a singole tematiche che, come abbiamo appena visto, possono essere prese come punto di riferimento anche per perseguire obiettivi come la raccolta di fondi per una campagna elettorale.


Se vuoi, qui puoi leggere altri consigli di comunicazione politica:

Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
<p>Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.</p> <p>Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico”</p> <p>Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication.</p> <p>Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell’Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall’imprenditore al manager.</p> <p>Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel.<br /> Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.</p>
+39 06 42014100
www.mistermedia.it
Piazza di Campitelli, 2
00186 Roma (RM)