Comunicazione politica: web content curation elettorale

comunicazione politica

L’attenzione ai contenuti da condividere online è uno dei capisaldi della comunicazione politica e del media training. In campagna elettorale diventa ancora più importante fare attenzione a cosa si mette sul web, a quando lo si fa, e al modo in cui i contenuti devono essere trattati a seconda dell’umore dell’utenza e del tipo di contesto in cui vengono inseriti.

La corsa alle primarie del PD è ormai terminata, assieme a una campagna che è stata forse la più multimediale nella storia di questo tipo di consultazione. Nelle prossime righe cercheremo di analizzare il comportamento web dei tre candidati, osservando in particolare l’aspetto della content curation legata alla creazione di un processo di comunicazione politica il più possibile strutturato.

  • Attenzione al testo: la cura dei contenuti online si basa tantissimo sull’attenzione al testo come aspetto nodale della comunicazione politica e non solo.

Nel caso specifico di un momento di campagna elettorale, durante il quale una figura istituzionale è esposta a un fuoco mediatico in grado anche di raggiungere l’overload, è opportuno dosare le parti testuali da inserire sui propri profili social.

A questo proposito può essere utile chiamare in causa le pagine Facebook di Matteo Renzi e di Cuperlo. dove è possibile trovare una forte prevalenza del testo sull’immagine, e la creazione di uno squilibrio che può portare l’utente a provare un senso di confusione.

Il blog che cresce: un altro esempio molto interessanti di sinergia tra content curation e comunicazione politica in campagna elettorale è il blog di Pippo Civati, uno spazio che è online dal 2004, anno in cui il blogging politico era decisamente agli inizi in Italia.

comunicazione politicA

Scegliere di inserire contenuti di natura persuasiva come quelli legati a un momento di campagna elettorale in un orizzonte così ampio significa considerare la content curation non solo come un aspetto nodale di un processo di comunicazione politica, ma anche come un ausilio di storytelling molto importante.

I contenuti diventano in questo caso una guida perenne nella scoperta della brand equity del politico, chiudendo le porte alla visione della comunicazione politica come occasione di erogazione di messaggi “a scadenza”.

  • La giusta dose di slogan: tornando sempre a osservare il delicato campo della sinergia tra immagine e testo in comunicazione politica e nel mondo della web content curation, può essere opportuno ricordare che in campagna elettorale il web deve essere un contesto di interazione il più possibile pulito da slogan sia visivi sia testuali.

comunicazione politica

La pagina Facebook di Renzi può essere un punto di riferimento per l’applicazione eccessiva di questi contenuti (in entrambe le forme), che, se messi in campo con poco equilibrio, possono portare l’utente a non comprendere la natura specifica dell’universo social e il suo ruolo in comunicazione politica rispetto ad altri media.

La web content curation è fondamentale in comunicazione politica, e in campagna elettorale diventa un punto da analizzare in maniera molto approfondita, in modo da non rendere i profili dei contesti di unione confusa di diverse istanze mediatiche.



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.