Comunicazione politica: tu come debutti sulla scena internazionale?

comunicazione politica

I paragoni tra la comunicazione politica di Matteo Renzi e quella di Silvio Berlusconi (che ha definitivamente unito i due ambiti) sono ormai all’ordine del giorno: di certo c’è che le analogie non sono poche e che l’attuale premier rappresenta un punto di riferimento fondamentale per analizzare le sfaccettature della comunicazione istituzionale come contesto elastico e aperto.

L’attuale capo del Governo è davvero un libro aperto a tal proposito e in questi giorni ha fornito un ulteriore spunto interessante, legato al suo debutto sulla scena internazionale come Primo Ministro della Repubblica Italiana.

  • L’informalità che rassicura: ha fatto il giro del web la foto che ritrae Matteo Renzi a Berlino accanto ad Angela Merkel e con il cappotto allacciato male. Che si sia trattato o meno di una casualità, questo dettaglio rappresenta un goal di comunicazione politica molto importante.

Il particolare si può quasi definire un prosieguo della strategia di gestione del corpo adottata durante il discorso per la richiesta della fiducia in Senato. Se nella più rigida delle Aule istituzionali Renzi ha rotto il protocollo slacciandosi spesso la giacca, durante il suo debutto internazionale ha ribadito questi toni di informalità, avvicinandosi ancora di più a un’utenza profondamente desiderosa di figure politiche che portino messaggi immediati e genuini anche nella gestione della propria persona.

  • Le polemiche e la mancanza di repliche: in generale, rispondere alle critiche risulta una mossa efficace solo in rapporto alla qualità dellinterlocutore e/o del contenuto.

La foto di Renzi con il cappotto allacciato male ha fatto il giro web con diversi strascichi polemici legati soprattutto alle affermazioni di Grillo e altri esponenti M5S. Dal premier non è per ora arrivata alcuna replica immediata in merito, il che rappresenta una scelta di comunicazione politica puntuale e una spia della volontà di concentrarsi su contenuti di natura programmatica piuttosto che sul confronto dialettico.

comunicazione politica

  • Uno strano silenzio social: Matteo Renzi non ha fatto alcun cenno sui suoi profili social al debutto sulla scena internazionale con i viaggi in Francia e in Germania. Questa impostazione può risultare a una prima osservazione straniante, considerando soprattutto la profonda confidenza che il premier ha con le piattaforme di networking.

La scelta non deve però ingannare: siamo infatti davanti a un’impostazione di comunicazione politica molto interessante, dal momento che il premier sì tralascia qualsiasi contenuto riguardante il viaggio all’estero, ma focalizza subito l’attenzione sui lavori del Governo, lanciando un tweet – il primo dopo l’approvazione dell’Italicum – che ha come hashtag #palazzochigi e che punta i riflettori sulle questioni di politica interna.

Il debutto internazionale di Renzi è stato dal punto di vista dell’efficacia della comunicazione politica un esempio molto interessante di cura completa del personal branding, oltre che di coerenza rispetto a scelte adottate nel corso di precedenti interazioni importanti.



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.