L’approccio di Hillary Clinton e Donald Trump al tema delle armi in America

Il tema del controllo e del possesso personale delle armi in America è un riferimento importante nella comunicazione politica delle primarie USA 2016. 

Comunicazione-politica-clinton-trump-armi-in-america-mistermedia-nicola-bonaccini

Trattato anche da Obama in un discorso di alto spessore tecnico, il tema delle armi in America è, per motivi diversi, tra i più caldi delle campagne di comunicazione politica della Clinton e di Trump, che ne parlano soprattutto sui social in modi differenti, ma dando comunque spazio a degli accorgimenti tecnici che vale la pena approfondire.

Analizzare l’approccio ai singoli temi è un’ottima strategia per avere le idee chiare sulle tecniche di comunicazione politica più efficaci e per capire, attraverso esempi specifici, come gestire argomenti così centrali in un percorso elettorale e per questo capaci di toccare profondamente il target anche dal punto di vista personale.

Narrazione e focus sull’utente

Nel trattamento del tema delle armi in America ritroviamo un leitmotiv tipico della comunicazione politica di Hillary Clinton. Di cosa si tratta? Della narrazione – parte del suo percorso elettorale fin dal video di ufficializzazione della candidatura alle primarie – che vede l’utente al centro dell’attenzione, come protagonista e voce primaria del racconto delle proprie vicende personali (tutto questo implica un maggior coinvolgimento del target social, che riesce a immedesimarsi più facilmente nei contenuti pubblicati).

Per un valido esempio al proposito possiamo analizzare questo video, pubblicato sulla pagina ufficiale di Facebook e sull’account Twitter principale, che vede in primo piano i racconti diretti delle madri delle vittime di alcune sparatorie.

Ironia e sintesi, un binomio efficace

Per trattare un argomento importante come il possesso e il controllo delle armi in America è necessario mettere in campo trucchi di comunicazione politica in grado di ottimizzare la visibilità dei contenuti. In questi casi riveste un ruolo nodale il ricorso all’ironia che, come dimostra il post di Donald Trump visibile nell’immagine sottostante, vede in Twitter un contesto fondamentale per dare spazio a contenuti molto incisivi grazie alla sintesi e alla possibilità di costruire sound bites di valore.

comunicazione politica

Attenzione ai numeri!

Quando si discute di comunicazione politica di valore si chiama spesso in causa l’importanza di parlare alla pancia, alle corde meno razionali del target.

Questo non significa che sia inutile ricorrere ai numeri, a patto che lo si faccia ponendo attenzione all’impatto emotivo, approccio chiaro in questo tweet di Hillary Clinton, sound bites reso ancora più incisivo dalla presenza di un richiamo numerico (vedi immagine sottostante per il testo completo del post).

comunicazione politicaLa comunicazione politica efficace

Parlare di comunicazione politica efficace significa necessariamente chiamare in causa il trattamento di specifici temi, che possono fare la differenza – sia sui social sia durante un discorso efficace davanti a una platea – per quanto riguarda l’impatto sul target, in particolare dal punto di vista emotivo.


Se vuoi, qui puoi leggere altri consigli di comunicazione politica:

Potrebbe interessarti anche:



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
+39 06 42014100
www.mistermedia.it
Piazza di Campitelli, 2
00186 Roma (RM)