Come deve essere una landing page efficace per una campagna di comunicazione politica

comunicazione politica

Una campagna di comunicazione politica efficace deve guardare in maniera completa alla presenza online di un candidato o di una formazione, non limitandosi unicamente alla cura dei social network, comunque essenziali per stabilire un rapporto di valore con il target di riferimento.

Parlare di comunicazione politica di qualità online significa chiamare in causa anche l’attenzione tecnica a contesti come la landing page, utile per massimizzare strategicamente la visibilità dei contenuti di una campagna elettorale.

La realizzazione di una landing page per una campagna di comunicazione politica online è un processo complicato, per il quale sono necessarie diverse abilità professionali. Esistono però alcune regole generali che devono essere messe in primo piano per muoversi con obiettivi mirati. Oggi ve ne presentiamo tre.

Less is more!

La semplicità è una regola fondamentale quando si parla di landing pages efficaci per una campagna di comunicazione politica online. Comunicare bene con il proprio target di riferimento significa curare ogni tipologia d’interazione e fare in modo che i contenuti siano incisivi in ogni occasione.

La visione di una landing page è molto diversa rispetto a quella della home del sito ufficiale, dove sono presenti elementi – animazioni, elementi sonori, testi lunghi e articolati – che possono non rivelarsi funzionali quando l’utente ha poco tempo per leggere un contenuto e per capire se suscita o meno il suo interesse.

Less is more: un consiglio cruciale in tanti ambiti della comunicazione online, ancora più importante quando si deve dare corpo a una landing page per una campagna di comunicazione politica, contesto in cui è essenziale veicolare un’immagine efficace in un periodo di tempo limitato e fidelizzare l’utente per renderlo un potenziale elettore.

Parti dal monitoraggio

La qualità dei contenuti testuali è nodale in una campagna di comunicazione politica e deve essere tenuta presente anche nella creazione di una landing page.

Per agire in maniera strategica in questa specifica circostanza si deve partire dal monitoraggio delle conversazioni online relative al proprio nome, in modo da dare corpo a dei contenuti in grado di catturare effettivamente l’interesse degli utenti che sui social e in altri spazi web parlano di un programma politico o commentano l’ultima intervista televisiva di un candidato.

La forza dei contenuti video

Una landing page può essere legata ad aspetti diversi di una campagna di comunicazione politica, per esempio a un processo di fundraising. I contenuti testuali sono importanti, ma è bene non dimenticare l’incisività dei video. Inserire un video informativo in una landing page rappresenta una strategia valida per presentare punti tecnici in maniera immediata, senza dimenticare quel lato emozionale che non è sempre facile trasferire in un contenuto testuale di poche battute.

Una campagna di comunicazione politica online orientata alla qualità è un processo che non può prescindere da una complessità strutturale: limitarsi alla gestione della promozione sui social – magari agendo all’ultimo momento e puntando tutto sulla fama del nome – significa fallire.

L’unico modo per ovviare a tale rischio è la cura tecnica di ogni momento dell’interazione con il target, con la consapevolezza di quanto una landing page ben realizzata sia importante per una campagna di comunicazione politica.


Leggi anche:



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience