Comunicazione politica: il M5S e la gestione del dialogo

La comunicazione politica del M5S fornisce da sempre spunti analitici  interessanti e si può a ragione affermare che dagli exit poll delle Europee a oggi è stata al centro di mutamenti strategici a dir poco importanti.

comunicazione politica

La campagna elettorale che ha preceduto le consultazioni del 25 maggio ha portato in evidenza le criticità di cui abbiamo parlato diverse volte tra queste pagine. Inquadrare una loro risoluzione definitiva alla luce degli avvenimenti della scorsa settimana è, forse, affrettato ma è comunque possibile analizzare alcuni aspetti rilevanti nella comunicazione M5S e capire il loro effettivo ruolo nella costruzione di una strategia capace di differenziarsi da quella del PD e di sciogliere i nodi dei mesi passati.

  • La forza del tempo reale: osservando il panorama generale della comunicazione politica M5S è possibile trovare un riferimento molto positivo nella pagina Facebook di Luigi Di Maio, la cui figura ha un ruolo cardine nella gestione dei rapporti con il PD.

Il vicepresidente della Camera sta seguendo un’impostazione vincente sia dal punto di vista del media training e dell’attenzione all’essenza primaria dei social, sia da quello della comunicazione politica: l’efficacia della sua strategia ruota attorno al racconto in tempo reale sia dell’evoluzione del dialogo con il PD, sia dei suoi interventi sul territorio.

comunicazione politica

L’utente si trova così di fronte non solo a un uso puntuale dei social (caratterizzato anche dalla presenza di altre fonti oltre al blog di Beppe Grillo) ma anche davanti a un’impostazione di comunicazione politica molto valida, in quanto capace di veicolare in maniera chiara un processo complesso come l’attenzione sinergica allo scenario nazionale e a quello locale.

  • L’intervista e il dialogo: altro punto positivo nell’impostazione di comunicazione politica firmata M5S è legato sempre a Luigi Di Maio, che ha raccontato al Corriere della Sera gli aspetti tecnici relativi all’incontro programmato per oggi pomeriggio con il PD e annullato dai Democratici.

L’intervista a un quotidiano nazionale di così grande rilevanza è un passo di comunicazione politica assolutamente positivo, in quanto inquadra in maniera ufficiale il processo di dialogo e la volontà di strutturare la strategia sull’erogazione di contenuti chiari e immediati.

Luigi Di Maio è senza dubbio l’uomo chiave della nuova fase del M5S. Il confronto con Renzi e con i colpi che ha messo a segno in questi mesi è difficile ma i punti di forza non mancano e possono essere considerati delle ottime partenze per dare nuova linfa a un universo tecnico che ha sempre portato in luce spunti scomodi ma interessanti e che continuando sulla strada intrapresa in queste settimane può ulteriormente migliorare e rappresentare un punto di riferimento efficace per la comunicazione politica crossmediale e partecipativa.

LEGGI ANCHE:

Comunicazione politica: perché si perde un confronto dialettico

Comunicazione 2.0: ecco alcuni consigli utili in ogni occasione



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.