Comunicazione politica: il blog e non solo

comunicazione politica

I dettagli tecnici della comunicazione politica vedono nell’interazione web un contesto di già citata importanza. Per veicolare contenuti di natura non prettamente propagandistica esistono diversi mezzi, e tra questi è impossibile non fare riferimento al blog e alla sua struttura.

Quale situazione può essere più vantaggiosa dal punto di vista dell’efficacia del processo, oltre che nell’ottica di definizione di un personal branding completo?

Nelle prossime righe cercheremo di comprendere le valenze dell’interazione continua, cercando di delinerare le modalità migliori perché il contesto sia il più possibile completo.

  • Non tutto si esaurisce nel blog: non tutto si esaurisce nel blog. La comunicazione politica, specialmente quando si parla di ricerca di un’interazione continua, deve essere alimentata da una presentazione organica dei contenuti, che trova nella newsletter un canale di fondamentale importanza.

Osservando siti ufficiali e blog dei politici in mainstream, possiamo notare per esempio che nello spazio di Gianni Cuperlo è molto in evidenza il tasto di iscrizione alla newsletter, cosa che invece non accade in quello di Matteo Renzi.

Nel primo caso la comunicazione politica si muove in maniera più strutturata, lavorando sulla quantità dei contenuti come su un modello matematico.

Nel secondo, invece, l’utente risulta quasi “bombardato” da un numero molto alto di informazioni, il che può risultare svantaggioso dal punto di vista dell’efficacia della comunicazione politica, dal momento che risulta impossibile scegliere un filtro per la grande quantità di contenuti presentati in un medesimo momento.

  • Il potere dell’immagine: quando si parla di attenzione all’aspetto dell’interazione continua nella comunicazione politica è fondamentale anche curare l’immagine in sé.

comunicazione politica

In un contesto come il blog l’immagine deve essere associata a dei contenuti testuali, il che può rappresentare una sinergia di non facile gestione. A tal proposito può essere interessante lavorare anche sui colori: nel caso del blog di Matteo Renzi, è possibile trovare un accostamento di tinte anche molto contrastanti tra loro, aspetto che può distrarre dalla percezione dei contenuti delle foto degli eventi o di altre occasioni di interazione diretta.

La comunicazione politica vede nell’interazione continua ben curata un ambito fondamentale quando si tratta di costruire un brand. La frase “content is the king” non vale solo quando si ha intenzione di posizionare una pagina sui motori di ricerca, ma anche quando si lavora sulla struttura interna di uno spazio.

L’utente, soprattutto quando si muove nel mondo della comunicazione politica, è affamato di contenuti, e deve avere la possibilità di sceglierli in maniera il più possibile semplice e rapida.

Nell’era social è fondamentale sia curare tutti gli spazi web, sia fare in modo che quanto su essi veicolato non si esaurisca in un wom di qualche giorno, ma che contribuisca a costruire una brand identitity di valore e capace di distinguersi nella globalità di un contesto.



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.