Comunicazione politica e interazione diretta con l’utenza: un caffè con Obama

Torniamo a volgere lo sguardo sulla comunicazione politica USA, più precisamente su Barack Obama. Ormai vicino alla fine del suo secondo mandato, il Presidente degli Stati Uniti ha  portato all’attenzione mondiale un caso molto interessante di approccio alla comunicazione, ossia l’iniziativa ‘Day in the life’, che lo vede incontrare direttamente i cittadini per discutere dei loro problemi quotidiani.

Barack Obama ha riscritto la storia generale della comunicazione e con le sue scelte riesce sempre a far parlare: questo progetto, realizzato nell’ambito della strategia elettorale in vista delle elezioni di metà mandato previste a novembre, rappresenta un punto di partenza interessante per parlare del valore dell’interazione diretta con l’utenza.

obama

 

 

  • L’interazione straordinaria: le prime giornate dell’iniziativa ‘Day in the life’ sono state ovviamente molto seguite dai profili social ufficiali della Casa Bianca, del Presidente e del suo fotografo ufficiale Pete Souza. L’occasione è stata vista a livello mondiale come “la giornata di Obama da uomo normale, in mezzo alla gente”, un modo per “umanizzare” il Presidente.

Un politico locale potrebbe avvantaggiarsi di questa tecnica rendendo però l’intervento estemporaneo, una sorta di flash-mob della comunicazione politica. Un momento insomma “inaspettato” in cui il cittadino si vede incontrare casualmente il Sindaco o l’assessore.

 

  • La collocazione temporale: un’iniziativa come ‘Day in the life’ può rappresentare un’impostazione di comunicazione politica vincente all’inizio della carriera, per un candidato che ha la necessità di consolidare il proprio personal branding e che può trovare nell’interazione diretta e informale con l’utenza un’occasione per perfezionare la propria strategia e i propri contenuti.
    Resta il fatto che “occasioni di folla” restano una tattica molto apprezzata anche a livello locale.

comunicazione politica

  • Le promesse: il percorso elettorale verso le elezioni di metà mandato è senza dubbio diverso da quello legato alle presidenziali, che sta già vedendo Hillary Clinton “affilare le armi” di comunicazione politica in vista di una sua molto probabile corsa alla Casa Bianca. Nonostante questa innegabile diversità è comunque utile nel primo dei due casi mettere in evidenza promesse definite, in modo da risolvere eventuali situazioni di crisi e portare punti al personal branding della figura politica. Nella particolare situazione di ‘Day in the life’ l’attenzione è invece concentrata soprattutto sull’aspetto emozionale, lasciando poco spazio a contenuti effettivamente programmatici.

Obama con la sua esperienza presidenziale ha rappresentato un vero e proprio spartiacque nel mondo della comunicazione politica e non solo. L’iniziativa ‘Day in the life’, porta in primo piano un particolare tecnico molto importante come quello dell’interazione diretta con l’elettorato.

Affiancando i momenti emozionali con quelli più contenutistici si ottiene un risultato che rafforza l’immagine di autorevolezza a lungo termine e spesso nasconde qualche azione inefficace. Anche questa è comunicazione politica.

 

LEGGI ANCHE:

Media training: la politica della scrivania piena

 



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.