Comunicazione politica: dimmi come usi Facebook e ti dirò chi sei

comunicazione politicaQuesti mesi molto intensi dal punto di vista della campagna elettorale possono essere utilizzati senza problemi come punto di riferimento per l’utilizzo di Facebook in maniera performante dal punto di vista dell’efficacia comunicativa. Il social di Zuckeberg, nonostante l’evidente esplosione del web 2.0 e di altre piattaforme di networking, rappresenta ancora un esempio centrale di interazione con l’elettorato, oltre che una palestra di comunicazione politica che ha pochi uguali.

Nelle prossime righe vi presenteremo alcuni consigli rapidi e semplici che possono essere utili per ottenere il massimo dalla propria strategia di comunicazione politica applicata a Facebook.

  • Il profilo – santino: ci sono casi in cui il profilo di Facebook viene usato come luogo in cui l’elettore può trovare un messaggio certo, sicuro e immodificabile. Un esempio molto efficace è la pagina di Silvio Berlusconi. Una delle caratteristiche che saltano subito all’occhio dell’osservatore che la visita è senza dubbio la foto del profilo che non cambia.

L’immagine proposta è una delle più famose foto ufficiali dell’ex premier, e, continuando a osservare l’intera pagina, è possibile notare come sia solo l’inizio di un approccio basato in maniera molto forte sull’iconografia del personaggio al centro dell’intero processo di interazione.

Questa strategia (radicata e caratterizzata anche tramite la ripetizione di frasi molto simili tra loro) può essere molto vantaggiosa nel caso del profilo di un leader di partito che, pur avendo magari lasciato gli alti incarichi istituzionali, viene considerato un riferimento morale.

Il rischio di questa impostazione è soprattutto uno e molto chiaro: quello della ridondanza di linguaggio. Il mezzo iconografico ha una potenza indiscutibile ma, anche a livello di singolo post, può rappresentare un fattore inficiante dell’efficacia della parte scritta.

In qualsiasi strategia di social media marketing è impensabile inserire un testo su Facebook senza accompagnarlo con un’immagine, ma, nel caso in cui quest’ultima sia una parte di un ciclo figurativo poco vario, è molto difficile tenere alto il livello di attenzione sui contenuti testuali.

  • Facebook e le foto personali: quanto giova mettere foto non istituzionali su Facebook, immagini che simboleggiano in maniera forte il percorso privato di una figura politica?

Un caso emblematico da questo punto di vista è il profilo di Anna Paola Concia, che, attualmente, è l’unico parlamentare italiano ad aver dichiarato la propria omosessualità.

La foto del profilo Facebook della Concia è un suo ritratto con la moglie Ricarda Trautmann. La battaglia per i diritti LGBT è uno dei simboli dell’attività politica di Anna Paola Concia, e la strategia di comunicazione che vede l’utilizzo di un’immagine inerente la propria vita personale sul profilo Facebook può essere assolutamente efficace dal punto di vista della penetrazione del  messaggio.

concia

Si tratta di una scelta che rappresenta ancora un punto di discussione tra gli utenti, che non sempre sono pronti a considerare in maniera positiva una figura politica che utilizza a livello di marketing dei riferimenti alla propria vita privata.

Il caso della comunicazione politica di Anna Paola Concia è stato un esempio molto interessante, che può essere usato come case history per via della forza penetrante del linguaggio, ma che ha tra gli innegabili svantaggi il rischio di rappresentare una deriva retorica a volte capace di annoiare i destinatari ultimi del messaggio, desiderosi di contenuti che siano freschi e innovativi.



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
+39 06 42014100
www.mistermedia.it
Piazza di Campitelli, 2
00186 Roma (RM)