Comunicazione politica: consigli per una bio efficace sui social

comunicazione politica

La bio sui social è fondamentale in diversi ambiti, compreso quello della comunicazione politica. La sua ottimizzazione rappresenta un passo imprescindibile per chi vuole organizzare una campagna di successo e aderente alle regole del web 2.0.

Quando si parla di campagne di comunicazione politica 2.0 si inquadrano aspetti tecnici come la gestione dei video, la scelta dei contenuti da pubblicare su Instagram e la cura del fundraising: per risultare efficaci in tutto questo non si può non passare dalla costruzione di una bio incisiva, necessaria per migliorare l’engagement e per conquistare la fiducia degli utenti.

Quali sono le regole da seguire? Quali le dritte imprescindibili per una bio social funzionale al successo di una campagna elettorale? Ecco per voi qualche rapido consiglio pratico di comunicazione politica 2.0.

Specifica chi scrive i tweet

La presenza su Twitter è essenziale perché una campagna di comunicazione politica possa muoversi puntando alla qualità. Partire dalla bio per costruire una strategia di valore è molto importante, così come lo è ricordarsi di specificare nelle appena ricordate poche righe chi si occupa dei contenuti e, nello specifico, quali siano i tweet scritti personalmente dal candidato.

Questa impostazione, nodale per massimizzare la visibilità di determinati punti della campagna elettorale che su Twitter possono diventare veri e propri sound bites, viene purtroppo trascurata in diversi casi, come per esempio quello dell’account Twitter di Ted Cruz.

Informazioni principali su Facebook? Sfrutta tutte le opzioni

Una campagna di comunicazione politica efficace non può non considerare la cura della pagina ufficiale Facebook, che deve essere aggiornata con costanza in quanto vero e proprio impegno con i potenziali elettori.

L’area dedicata alle informazioni principali dovrebbe essere riempita in tutti i suoi punti senza trascurare nessun dettaglio – l’esempio della pagina Facebook principale di Hillary Clinton è perfetto al proposito – così da ottimizzare il maggior numero possibile di aspetti legati al personal storytelling.

Attenzione alla call to action

Una bio efficace sui social può risultare decisiva per il buon esito di una campagna di comunicazione politica e per questo motivo deve essere oggetto di un’attenzione tecnica completa, che coinvolga la specificazione dell’hashtag ufficiale così come la call to action, che svolge un ruolo basilare quando si parla di engagement social e di fidelizzazione dei potenziali elettori.

Per trovare un esempio positivo al proposito si può fare nuovamente riferimento all’approccio ai social di Hillary Clinton, e alla call to action tanto semplice quanto chiara presente su ciascuno degli account Twitter locali dedicati alla campagna per le primarie 2016.

Per lavorare in ottica 2.0 quando si mette a punto una strategia di comunicazione politica è importante concentrarsi su accorgimenti tecnici in grado di rendere una campagna virale, ma per riuscirci bisogna partire dalla base ed essere consapevoli di non poter prescindere da elementi strutturali come la bio sui social.


Articoli correlati



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience