Comunicazione politica: come gestire i commenti su Facebook

La qualità di una campagna di comunicazione politica non può prescindere dalla cura della presenza sui social, che prevede il fatto di tenere alta l’attenzione tecnica su ciascuna delle piattaforme che si decide di presidiare.

In questo processo è inclusa anche la corretta gestione dei commenti sulle piattaforme di networking e su Facebook in particolare, passaggio nodale per interagire in maniera funzionale con l’utenza e per ottimizzare l’efficacia dei contenuti di una campagna elettorale.

Come muoversi al proposito? Quali sono i principali errori da evitare e quali le buone pratiche più valide? Ecco per voi tre consigli di comunicazione politica sull’argomento, utili a massimizzare l’impegno strategico dedicato all’universo 2.0.

1. Rispondi sempre!

Quando si gestisce una campagna di comunicazione politica sui social bisogna tenere conto della necessità di rispondere sempre ai commenti Facebook. Su troppe pagine di figure politiche in campagna elettorale è possibile vedere commenti ignorati, impostazione molto grave soprattutto quando si parla di comunicazione politica per amministrazioni locali.

I social, come già ricordato, sono dei veri e propri luoghi da presidiare anche quando si gestisce una campagna di comunicazione politica: non rispondere ai commenti degli utenti significa essere presenti solo in maniera parziale, senza avere la minima idea delle potenzialità dei mezzi utilizzati.

2. Specifica la policy

Quando si parla di comunicazione politica 2.0 è fondamentale ricordare la centralità dei commenti su Facebook in quanto occasioni di confronto e d’interazione diretta con l’utenza finale. Per fare in modo che questo processo si concretizzi in maniera lineare è utile rendere chiare fin da subito le linee della policy relativa alla moderazione dei commenti – alternativa adottata anche da alcuni enti della pubblica amministrazione – così da guidare il target verso un approccio alla pagina che risulti prima di tutto funzionale all’efficacia dei contenuti della campagna.

3. Fornisci riferimenti utili

Rispondere ai commenti sulla pagina Facebook di una campagna di comunicazione politica significa prima di tutto fornire riferimenti utili. Replicare alla domanda di un utente invitando genericamente a visionare il sito ufficiale di un candidato o di una formazione non vuol dire muoversi mettendo in primo piano l’aspetto dell’efficacia.

Si deve procedere facendo in modo d’includere nel commento tutti gli elementi utili alla risposta, il che può voler dire, in alcuni casi, ricorrere anche a anche immagini e infografiche, contenuti che possono rivelarsi molto utili per soddisfare le richieste dell’utenza e per far passare in maniera più immediata eventuali punti di natura tecnica.

Lavorare a un percorso di comunicazione politica efficace – permanente o limitata che sia la campagna elettorale a cui è legato – significa essere a conoscenza delle regole tecniche più importanti per essere presenti sui social in maniera adeguata. Questo vuol dire non dimenticare l’importanza dei commenti su Facebook, senza i quali non si può parlare di rapporto con il target e, di conseguenza, anche di cura del personal branding, la cui qualità è essenziale per il successo di una campagna di comunicazione politica.


Leggi anche:



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.