Appunti di comunicazione politica in attesa della legge elettorale

media training

In queste settimane il panorama della comunicazione politica è assai fervido di novità non solo per gli spunti interessanti portati in evidenza dal Governo Renzi, ma anche per l’iter della legge elettorale, che rappresenta un caso molto utile da analizzare al fine di ricavare consigli tecnici e di contenuto sulla comunicazione relativa a un quadro istituzionale di grande complessità.

  • Attenzione all’eccesso: uno dei primi riferimenti che vengono in mente quando si parla dell’iter della legge elettorale è quello relativo alle quote rosa. Questo tema sta rappresentando un motivo molto frequente nella comunicazione politica di chi si interfaccia con i media per esprimere la propria opinione in merito al provvedimento (vedi p.e. il gesto delle deputate che hanno deciso di vestirsi di bianco per spostare l’attenzione sul problema della parità di genere).

Gesti mediaticamente così forti (che in questo specifico caso sono stati pure ripresi con ironia) possono non essere utili alla chiarezza della comunicazione politica riguardante il provvedimento in generale, dal momento che mettono in secondo piano sia l’effettiva natura dei contenuti, sia l’importanza tematica di altri punti della legge.

  • Quando il contenuto “esce” dal Palazzo: una delle caratteristiche che deve avere la comunicazione politica riguardante un ambito complesso e articolato come l’iter di una legge elettorale è la capacità di portare “fuori” dal Palazzo i contenuti del provvedimento, in modo da farli arrivare all’utenza nella maniera più chiara possibile.

Un riferimento positivo a questo proposito è ancora legato all’intervista di Matteo Renzi a Che tempo che fa?, durante la quale il premier ha parlato della questione delle quote rosa chiamando in causa situazioni molto concrete come la situazione del lavoro femminile fuori dalla politica. Si tratta di un’impostazione strategica molto semplice ma altrettanto potente e utile al risultato finale, ossia la fruizione immediata dei contenuti.

  • L’ironia che non paga: l’ironia è un’arma molto utile alla comunicazione politica efficace, ma deve essere dosata e adattata alla singola situazione. In un contesto di già ricordata difficoltà come l’iter della legge elettorale può non essere vantaggiosa, dal momento che è fondamentale portare in luce prima di tutto la chiarezza dei contenuti, mettendo in secondo piano eventuali considerazioni personali e “di pancia” (p.e. l’uscita di Daniela Santanché riguardo alla protesta delle deputate che si sono vestite di bianco).

comunicazione politica

Il medesimo ruolo poco utile in rapporto alla chiarezza dei contenuti è rivestito da episodi di palese contrasto, come per esempio lo scontro in Aula tra Laura Boldrini e alcuni deputati M5S.

Nella comunicazione politica, esporre i contenuti e l’iter di una legge elettorale è un’operazione molto complessa, che deve essere portata avanti tenendo conto del fatto che ci si sta rapportando con un organismo complesso, con una globalità dove le singole parti devono mantenere una condizione di equilibrio.



Autore: MisterMedia - Nicola Bonaccini
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.